Caro lettor domenicale,

chi mi legge sa che non esito a scrivere cose ritenute politicamente scorrette, secondo i criteri radical chic molto diffusi soprattutto a sinistra, tra politicanti minoritari arancioni o rosè (tra questi non c’è il comunista Marco Rizzo, che ha tutta la mia stima) à la Boldrina, cineasti giovani e meno, scrittori alla moda à la sapete chi, conduttori televisivi strapagati come Fazio e Augias, campioni sportivi ignoranti, giornalisti benestanti, preti monotematici e tristissimamente compresi del loro “eroismo” come don Ciotti, capi di Organizzazioni Non Governative come Open Arms, e altri.

Ho tre esempi di questa insopportabile tendenza: a) come Il Manifesto, quotidiano comunista, sta trattando la grave malattia di Sergio Marchionne; b) la denunzia penale della signora Josefa, camerunese, dell’Italia e della Libia per omissione di soccorso; c) l’enfasi posta su un comportamento omofobo da parte di un cameriere, che ha dato del frocio a un cliente scrivendolo sulla ricevuta fiscale. Di seguito tre commenti sui tre argumenti.

Nella sua brillante iconografia di prima pagina, senz’altro storicamente intelligente e ironica, questa volta Il Manifesto ha fatto schifo: foto di un Marchionne immalinconito e frase di questo tipo “e così Fiat“, dove quasi, echeggiando la formula liturgica “e così sia“, si sottende la morte del manager scherzando in modo insopportabile sulla vita di un uomo, considerato dalla linea editoriale dell’elegante quotidiano, un nemico.

Apprendiamo dalle tv, dalla stampa e dal web, che Open Arms, e la signora Josefa, le cui condizioni evidentemente permettono di avviare una vertenza penale, starebbero per denunziare Italia e Libia per omissioni di soccorso in mare dove c’erano persone in pericolo di vita. Quante centinaia di migliaia di persone ha salvato l’Italia in questi anni, caro signor nessuno di Open Arms e signora Josefa? Ecco perché anche Salvini continua a sbagliare con i suoi comportamenti che, in un mondo smemorato, pare facciano l’opinione storico-morale sul comportamento italiano in tema. Cosa ne sa lei Josefa dell’Italia? Chi la pilota ora che una visibilità planetaria e a che pro?

Terzo episodio: a Roma un cameriere idiota scrive sulla ricevuta fiscale di una cena per due, due giovani, molto giovani, coppia omosessuale, “frocio”, viene licenziato, ma per l’associazione gay  non basta: per costoro le autorità, cioè il sindaco Raggi, dovrebbero revocare la licenza al ristorante. Ma siete fuori di senno? Intanto, da un punto di vista gius-lavoristico il comportamento del cameriere avrebbe dovuto prevedere una contestazione disciplinare ex articolo 7, comma 2, della Legge 300/70 Statuto dei diritti dei lavoratori e, e come sanzione disciplinare, tuttalpiù una sospensione dal servizio e dallo stipendio di una o due giornate. Questa sanzione a parer mio e anche di un paio di autorevoli legali, miei amici, sarebbe stata proporzionata al fatto. Possibile non sia evidente a una mente normalmente pensate che si è trattato di una stupida goliardata, non di un enfatico “attacco ai diritti”. Immagino gli squilli di trombone di un Rodotà redivivo. Che noia.

Tre episodi che mi hanno fatto imbestiare per la loro stupidità, la loro idiozia, ma anche per l’insostenibile leggerezza interpretativa dei media e dei vari soggetti interessati.

Mi leggono migliaia di frequentanti questo sito ogni settimana, ma questa volta vorrei fossero milioni, perché non vedo in giro commenti come questo mio, soprattutto da sinistra, ché io sono lì da quelle parti veramente, a differenza dei radical chic che citavo sopra, anzi costoro sono di quella sinistra che non riesce più a parlare alle “masse”, che perde voti, capace solo di lamentarsi con sussiego e la puzza sotto il naso. Continui così anche su temi come quelli sopra commentati e il suo destino è segnato. Avanti con i diritti civili e il nulla su quelli sociali, in un mondo che è diventato competitivo con furia, cara sinistra auto-estinguentesi.

Resto sul mio, tengo il mio libero pensiero socialista riformista e raziocinante, lontano mille miglia da palloncini gialli, magliette rosse, manifestazioni trite, pura retorica solidaristica, e guardo al concreto real-vero del lavoro, della paziente formazione, dello studio e dei commenti in-formati, cioè provvisti di forma, denunziando le sgangherate semplificazioni dei populisti, così come gli scandalizzati strapparsi le vesti del ben-pensanti politicamente corretti, che sono non solo inutili, ma terribilmente noiosi, e quindi pericolosi.