Colloquio con un sordomuto in azienda, insieme con una “mia” iunior, psicologa del lavoro. Lui va a prendere sempre solo il caffè, in pausa, perché i colleghi non lo invitano. Ne soffre, e si vede, eppur se ne frega. Sant’Agostino avrebbe usato, così come amava fare, il doppio ossimoro sostantivo-aggettivo e viceversa, che bene esprime la complessità e quasi la rotondità del reale: una fragilità forte in una fragile forza.

Quando ti lamenti (mi lamento) della nostra (della mia) condizione, è  come se bestemmiassimo il Dio della vita.

Il limite dell’altro è lo specchio della nostra condizione, che non bara mai.

Mentre i furbacchioni della politica (parlo sempre dei due babbei, di cui il più giovane vanta la maggiore babbeità, che oramai è un dato antropologico) tentano di barare millantando la loro aggressività per difesa del volere popolare russoviano (più precisamente “volontà popolare”), chi lavora in azienda e fa il reddito italiano da difendere continua silenziosamente a lavorare, al contrario dei due su non-nominati, che non hanno mai lavorato in vita loro, e presentano un programma-contratto che sembra scritto da una prima media inserita in una loggia massonica. Incompetenza e arroganza sbalorditive.

E torniamo al tema. Chi non ha la parola né l’udito vive in una dimensione che neppure immaginiamo, anche se talora la pietas umana ci può ispirare partecipazione e solidarietà. Noi che abbiamo tutti i sensi funzionanti conosciamo il mondo, ascoltiamo i rumori, i suoni e la musica, parliamo modulando i lemmi e i toni, possiamo essere sintetici o facondi, di poche parole o grandi oratori alla Demostene o Cicerone, oppure appassionatamente prolissi alla Pannella. Chi non ha i mezzi bio-meccanici per udire e parlare no, deve imparare i linguaggi diversamente.

Con questo lavoratore, salvo qualche labiale misteriosamente da lui compreso, abbiamo dialogato per iscritto. Straordinario il report scritto, da studiare e conservare, da apprezzare e rispettare, come esperienza neuro-linguistica, scuola di dialogo e di etica del lavoro.

Ciò accade, mentre viviamo momenti strani assai, dove la stampa, il web le tv etc., possono sdoganare irridenti marpioni come Di Battista che dice sorridendo: “se si vota mi candido”. Mi vien da dire “sai che paura di Di Battista?” Oppure danno spazio al precocemente affetto da calvizie sul sommo del capo giovin Casaleggio, il quale, con seriosità incipiente e sarcasmo forse involontario, sostiene implicitamente che diecimila votanti sulla piattaforma Rousseau, valgono come venti milioni di voti. Non riesco a capire in che modo: forse che chi aderisce alla piattaforma è più intelligente di chi non vi aderisce? Che cosa è il “popolo”, chi è il “popolo” per lui e i suoi adepti grillozzi? Forse che il “popolo” è quello che grida, che urla, che sbeffeggia chi non è d’accordo, e duecento persone sembrano diecimila perché fanno confusione? Si leggano i testi di Gustave Le Bon (cf. Psicologia della folla, 1895), studioso della psicologia delle masse, che sono le stesse, come luogo dove funziona un certo meccanismo di psicologia sociale, sia che siano in una manifestazione politica, più o meno pacifica, sia che siano allo stadio, si in ambito religioso (si pensi all’omicidio di Ipazia perpetrato da monaci cristiani fanatici nella Alessandria d’Egitto del V secolo), sia che si trovino in qualsiasi altro assembramento umano.

Circa il testo di Le Bon ecco una breve parafrasi:

Le folle sono come una forza di distruzione, priva di una visione d’insieme, indisciplinata e portatrice di decadenza (…). La massa – permeata da sentimenti  autoritari e d’intolleranza – crea un inconscio collettivo attraverso il quale l’individuo si sente deresponsabilizzato e viene privato dell’autocontrollo, ma che rende anche le folle tendenti alla conservazione e orientabili da fattori esterni, e in particolar modo dal prestigio dei singoli individui all’interno della massa stessa.” (dal web) Basta analizzare gli “idealtipi” weberiani Di Maio/ Salvini per capirci.

Ah, poi c’è un “Salvini arrabbiato”, anche qui, sai che paura?

Mi chiedo quanto siano intelligenti i sopra citati, se l’evoluzione neuronale li abbia privilegiati o meno, e temo -per loro- che non vi sia dovizia di “corticalità pensante”, e questo è pericoloso, oltremodo. Divento sempre più tifoso dei neuro-scienziati biologisti, ma non del tutto, poiché altrimenti dovremmo prendere solo per un ammasso di cellule il cervello-mente dell’uomo di Francavilla a Mare, assassino di moglie e figlia e suicida, e il ragazzo venticinquenne che ha sparato alla ex fidanzata prima di uccidersi, in Toscana l’altro ieri. E, se non si fossero suicidati, avremmo dovuto solo metterli in condizioni di non nuocere, in qualche luogo che ha ereditato i vecchi manicomi.

Non può funzionare solo in questo modo, no.

Ieri ho preso la bici e son andato per strade secondarie, ma la bici “normale”, viaggiando verso la Bassa, in mezzo ai pioppeti e ai boschi di ripa. Animali timidi si sono affacciati tra l’erba e i cespugli oramai verdissimi a fine maggio. Pensare al tempo che mi accoglie nel suo grembo e allo spazio nel quale il mio corpo umano si muove, e ai sentimenti altrui, che non conosco, a meno che non riesca a leggere dentro, a intus-legere, a essere intelligente. I classici sostenevano che la volontà è la facoltà propria di chi-è-intelligente. Chi lo sa.

Campanili lontani annunziano messe eterne, mentre ripenso al ragazzo di oggi, che sorrideva senza parlare e senza udire il suono delle mie parole. Grato di come sono.