Renato Pilutti

Sul Filo di Sofia

Tag: politica (page 2 of 22)

“Fatto”, il participio passato di don Babbeo

Forse Di Maio sibilando “fatto” intendeva, poveretto, che lui, è in qualche modo… fatto. Tutto pressoché falso, inventato, tutto pressoché niente.

Non si capisce come il “sedicente concreto popolar Salvini” ci sia stato, a questo nulla: forse perché ha in testa le elezioni anticipate che forse gli permetteranno di lucrare qualche percentuale di consensi in più, forse, magari ai danni del collega.

In Italia non ci sono sollevazioni popolari, né sindacali, afona anche se urlante e frustrata l’opposizione, quando può farlo. La bella donna Bernini è la più eloquente, e spicca perfino Renzi nella contestazione senatizia, l’autore della fattura elettronica. Non spicca Marcucci, del PD, che sembra passare di lì per caso, inutilmente arrogante.

I due risultati principali che i “dioscuri” -per modo di dir-  vantano, NON esistono: la Fornero è quasi intatta, e gli conviene tenerla così per ragioni finanziarie attuariali, e il reddito di cittadinanza è una presa in giro per importi e platea di beneficiari presumibili. Ed è dannoso, diseducativo, andragogicamente devastante. Se i “dioscuri “vogliono, gli spiego il significato di “andragogicamente”, poiché dubito lo conoscano. ll resto dell’elenco dei “fatto” è meno importante di ogni titolo di “fatto” enunziato. Ridicola, penosa e squallidamente ingiusta è la mancata indicizzazione delle pensioni al di sopra dei millecinquecento euro, e non lo dico perché mi riguarda: ce la faccio lo stesso, grazie a Dio, perché l’importo della mia dignitosa liquidazione pensionistica non mi viene toccato (né gli emolumenti dei miei lavori che continuano): non è “d’oro”. Temevo, però.

Nuove tasse e meno occupazione, com’era prevedibile: il decreto cosiddetto “dignità” è il contrario di ciò che serve al mercato del lavoro: lo dice  un esperto, cioè io, un esperto, al contrario dei tre babbalucchi (crasi tra …  e … ? marameo), ebben sì, oramai sono tre, ché nel novero di questi “statisti” ora comprendo anche il felpato capodelgoverno. E’ dannoso, il decretodignità. Indegno.

La “manovra”, scritta sotto dettatura a Bruxelles, e ricopiata malamente negli uffici governativi italiani, non ha neanche il tempo di essere discussa in Parlamento, come prevede la Costituzione della Repubblica Italiana. Mi pare una cosa grave, vero, caro lettore?

C’è da vergognarsi dei nostri governanti, Conte-master-farlocco compreso, che comunque sono stati messi lì dagli Italiani. E non dico che devono vergognarsi gli Italiani, forse devono studiare un po’ di più, ma questo è difficile, faticoso, e la fatica si cerca di evitare, solitamente. Meglio la realtà virtuale del web, e lo dico senza noiosi moralismi. Oppure la lettura di giornali-che-la-pensano-come-me-e-non-come-te.

In Francia Macron qualche problema ce l’ha, e anche il prode Orban in Ungheria. La cosiddetta Brexit è immobilizzata nella sua irrazionalità democraticista e gli Inglesi se ne sono già pentiti.

Sembra che “mal comune sia mezzo gaudio”, ma non è così. Le cose non vanno bene in diverse nazioni: sembra manchi soprattutto ragionevolezza, dialogo, rispetto reciproco, dove l’intelligenza umana pare non avere spazio, oppure ha lo spazio che si merita in questa fase storica, dove sembra essere sopraffatta da passioni elementari e arcaiche. Gran lavoro da fare, mio gentil lettore!

La differenza radicale tra percezione e realtà

Anche se inconsapevolmente, per ignoranza ignorante o tecnica, di cui sono solo parzialmente responsabili e “colpevoli”, Di Maio e Salvini, più il primo del secondo, che è maggiormente scafato, stanno ponendo un tema filosofico radicale, centrale nella riflessione occidentale da due millenni e mezzo: quello della relazione esistente tra percezione soggettiva e realtà oggettiva. Inconsapevolmente sono schierati con gli idealisti universali e sempiterni, anche se il loro idealismo nulla ha a che vedere con Platone, sant’Agostino, Descartes, Berkeley, Kant, Hegel, Fichte, Schelling e Heidegger o Gentile. Il loro idealismo è ben povera cosa: è un pensare che le cose siano come le dicono loro in ogni caso, anche se mi vien difficile ritenere che siano così sprovveduti da pensare di dire la verità, o di dirla almeno in parte, quando proferiscono evidenti menzogne.

Proprio men che nulla hanno poi a che vedere con il realismo degli atomisti à la Democrito, Leucippo e Lucrezio, o con i realisti capeggiati da Aristotele, Averroè e san Tommaso d’Aquino, per proceder con gli empiristi inglesi à la Locke e Hume, con Comte il positivista e Carlo Marx, per finire con i filosofi-scienziati nostri contemporanei come Popper, Frege, Rorty e Russell, solo per esemplificare diverse scuole.

In altre e più semplici parole, i primi, al netto dell’uso del buon senso che ci fa capire come un tavolo sia un tavolo e non l’idea del tavolo e un albero un albero, non l’idea dell’albero, il primo gruppo di pensatori sottolinea come la soggettività sia la chiave della conoscenza, con la sintesi meravigliosa di Renato Cartesio: penso dunque sono. E sono in quanto penso, ovvero ciò che penso corrisponde alla realtà delle cose.

Il secondo gruppo di pensatori, cui mi sento più volentieri di appartenere, ritiene invece che il mondo delle cose e le cose del mondo siano anche indipendentemente dal mio-pensarle. Anche se non le pensassi, ovvero io non fossi mai nato, tutto il resto da me esisterebbe ugualmente. O no?

Venendo ai nostri due cultissimi politici, in questi giorni, un po’ faticosamente ghignando (Salvini) e un po’ cercando -senza trovarlo- un tono adatto alla sconfitta inflitta al loro governo dall’Unione Europea (Di Maio) per trasformarla in una qualche vittoria, abbiamo un esempio chiarissimo di credenza, non nella realtà delle cose, ma nella parafrasi di questa come trasformazione della realtà stessa dalla sua propria oggettività, a ciò-che-si-è sperato, ad una interpretazione soggettiva atta ad imbrogliare le carte della comunicazione e della percezione dei “cittadini” elettori.

Per loro la realtà sembra che non sia quella-che-è, ma quella-che-si-è- sperato(hanno sperato)-fosse. Illusioni e disillusioni, disinformazione pacchiana e disonesta. Abbiamo già nei giorni scorsi esemplificato le falsificazioni comunicative sui dati del bilancio accettato dall’Europa, espresse dai due per guadagnare tempo, per preparare la campagna elettorale in qualche modo.

Ma anche i più semplici, e non vuol dire stupidi, caro lettore, si accorgeranno presto che il reddito di cittadinanza sarà una fola e così quota 100, e molte altre poste su cui si erano esaltati da balconi e palchi. Lo sanno anche loro due, ma non sanno come dirlo.

Idealisti della miseria intellettuale e morale.

La crisi della leadership si chiama followship o di come la tirannide della plebe del web mina la democrazia

Basta guardare in questi bei giorni di primo inverno la faccia di Salvini, che ha perso ogni arroganza, quasi grato a Bruxelles per aver aiutato l’Italia a “migliorare la manovra“. E’ la stessa “faccia tosta”, solo un po’ meno ridanciana e sprezzante, che solo due mesi fa proclamava con il suo sodale affacciato a qualche balcone “Non arretreremo di un millimetro dal 2,4“. Che cosa significasse quella cifra non lo sapevano bene neppure loro. Ora sta venendo accettato il quasi assonante 2,04, dicunt invenzione del genio di Rocco Casalino, che ridacchia per lo scherzetto, e ci capiscono ancora meno.

Eccoli lì, i due, che quasi compunti cercano di spiegare le ragioni della conversione a “u” che hanno fatto. Ovviamente non riescono ad ammetterlo con chiarezza, ché perfino i più ignorantemente bolsi tra i loro sostenitori se ne accorgerebbero e gli correrebbero dietro con la scopa. Ah Ah.

Fin da subito i due si sono atteggiati a “tribuni della plebe”, chiamata “popolo”, contro le varie caste ed èlites, di cui comunque loro stessi fanno parte da anni. Ebbene sì, non solo Salvini ne fa parte da decenni, ché è stato ed è il suo unico “lavoro”, ma anche Di Maio il giovine, che è in Parlamento almeno da sei anni. Vediamo l’aspetto storico del ruolo, memori delle lezioni di storia della scuola dell’obbligo, quando ci spiegavano che Caio e TIberio Gracco erano i Tribuni della plebe della Roma repubblicana.

Il Tribunato è stato creato nel 494 a. C., dopo che il plebei avevano effettuato una secessione dalla città nel 509. E’ di quei tempi l’apologo di Menenio Agrippa che li convinse a rientrare con quel famoso discorso sul “corpo sociale e le sue membra”, conosciuto da tutti, ma non so se dai due attuali tribuni. Anche i patrizi furono allora d’accordo di creare una magistratura che si occupasse delle classi più basse, caratterizzata, come tutte le magistrature dalla sacrosanctitas, cioè da una sacralità inviolabile. Tale caratteristica dava ai tribuni la garanzia da parte dello Stato di essere difesi da qualsiasi attacco, sia politico sia fisico, soprattutto quando questi si accingevano a difendere un plebeo da un’accusa formulata da un magistrato patrizio. Si trattava dell’esercizio dello ius auxiliandi, cioè il diritto di aiuto. I primi tribuni della plebe furono Lucio Albinio e Gaio Licinio Stolone.

Chiunque toccasse un tribuno poteva essere condannato alla pena capitale, essendo quei rappresentanti riconosciuti dall’insieme dei plebei (concilia plebis et ius agendi cum plebe), con poteri che concernevano anche la possibilità di convocare il senato (ius senatus habendi). Non cose da poco.

Sotto i consoli Orazio Pulvillo e Quinto Minucio Esquilino Augurino nel IV secolo il numero dei tribuni fu elevato a dieci, due per ciascuna classe.

«Questa notizia suscitò uno spavento tale che i tribuni permisero l’arruolamento, non senza aver prima ottenuto – siccome per cinque anni erano stati presi in giro riuscendo così di ben poco aiuto alla plebe – la garanzia che in futuro sarebbero stati eletti dieci tribuni. I patrizi furono costretti ad accettare, assicurandosi però con una clausola di non rivedere più, da quel giorno in poi, gli stessi tribuni. Si passò poi subito alla nomina dei tribuni, per evitare che quella promessa, come tutte le altre in passato, non venisse mantenuta una volta finita la guerra. A 36 anni di distanza dai primi, furono allora nominati dieci tribuni, due per ciascuna classe, e si stabilì che in futuro l’elezione avrebbe seguito la stessa procedura»
(Tito Livio, Ab Urbe Condita Libri, Libro III, 30.)

Fino al 421 a. C. il tribunato fu l’unica magistratura accessibile ai plebei, ed era riservata ad essi soli, ma verso la fine della Repubblica anche i patrizi cercarono di accedervi, e un certo Clodio ci riuscì, facendosi adottare da un ramo plebeo della sua famiglia. Dal 449 i tribuni acquisirono un potere ancora maggiore con lo Ius intercessionis, cioè il diritto di veto su qualsiasi provvedimento preso da una qualsivoglia magistrato che si riteneva potesse danneggiare gli interessi della plebe, potendo perfino impedire al Senato di riunirsi, se ciò avesse pregiudicato i diritti dei plebei. Abbiamo già visto che i tribuni possedevano anche lo ius capitis, cioè il potere di comminare la pena di morte, mediante sfracellamento dalla rupe Tarpea. Vien da dire: meno male che i due attuali tribuni non hanno questo potere.

I patrizi, all’inizio dell’epoca imperiale con Augusto, trovarono il modo di accedere al potere tribunizio mediante un’investitura non della carica, ma dei poteri previsti dalla stessa. Anche Augusto ne usufruì, per cui egli ebbe anche quei poteri (tribunicia potestas) accanto a quelli riconducibili all’imperium proconsulare maius, che prevedeva la possibilità di porre il veto su qualsiasi determinazione del senato, godendo dell’immunità personale. Ecco da dove viene l’immunità dei magistrati ancora in essere. Successivamente furono tribuni “titolari” gli imperatori Tiberio, Tito, Traiano e Marco Aurelio, mentre Marco Agrippa e Druso ebbero i poteri della carica senza mai assumere il seggio imperiale.

Tornando ai nostri due contemporanei “tribuni” (purtroppo), viene da dire che usufruiscono in copia dello scivolamento del modello di leadership capace di guidare gli altri assumendo le responsabilità della guida (traduzione approssimativa del termine inglese derivante dal verbo to lead),  a una sorta di followship, cioè una situazione nella quale non funziona più come centrale democratica il Parlamento, ma il web e i suoi correlati processi psicologici di influencing telematici. Questi due non sono più neanche dei politici, ma degli influencer, che usano -a volte con perizia (specialmente Salvini) e sempre con cinismo oggi ineguagliabile- i mezzi di comunicazione più veloci ed efficaci, cioè i social.

Il Parlamento non sta discutendo più, ma vota fiducie scontate, non vi sono dibattiti se non nei talk show, luoghi del disordine logico e dell’italiano sgangherato, dove diventa accettabile, o il cupo modello proposto dall’accigliato Cacciari, che sa sempre tutto prima degli altri, da lui osservati con sufficienza e a volte con una punta di disprezzo, o quello ridancian-pornografico di Vittorio Sgarbi, che non è più neanche tanto divertente. Accanto a costoro possiamo godere delle ovvietà sesquipedali di Mauro Corona o delle traversie del suo omonimo, che è anche un poco delinquente.

Poi ci sono i sempiterni “politicamente corretti” à la Fazio (non è lo stopper argentino della Roma),  à la Lerner o Saviano, e i sermoncini di don Ciotti o di qualcuno di LeU (e stavolta non la cito… citandola, Boldrini), dal suono che suona come uno sberleffo.

Tristitia regnat, sed spes viva in corde et mente mea.

Teratologia dei cacasotto e dei due asini bugiardi

…ne conosco un pacco – di cacasotto– e mi fanno pena, soprattutto per loro stessi. La loro è una forma di vigliaccheria, blanda finché si vuole, ma di questo si tratta. Il cacasotto è un fifone, un pauroso. Certamente è un egoista. Piccolo, poiché è piccolo in tutto, ma egoista.

Ora vediamo l’etimologia del grecismo presente nel titolo: teratologìa s. f. [dal gr. τερατολογία, propr. «esposizione, raccolta di cose mostruose», comp. di τερατο «terato-» e λογία «-logia»].

Ebbene, mi par evidente che i cacasotto siano di per sé mostruosi nel loro egoismo autoreferenziale. Paiono, o vogliono apparire, pieni di energie, quasi tronfi, ma in realtà, appunto, rischiano di apparire più fifoni di quello che sono. Se la fanno sotto, piuttosto che affrontare un confronto, figuriamoci uno scontro. A volte lo scontro è inevitabile, perché l’interlocutore, o è stupido o è malvagio. E allora è necessario combattere. ma costoro preferiscono far flanella nella loro comfort zone.

A volte i cacasotto si nascondono dietro paroloni come “senso di responsabilità” e “senso di appartenenza”, che chiamano trionfalmente in inglese commitment. Cercano di turlupinare il prossimo fingendo coraggio laddove non ne hanno, e non sono neppure onesti come don Abbondio, che si dichiarava così: “se uno non ha il coraggio non se lo può dare“.

Temono non tanto per la propria incolumità, ma per le proprie sicurezza economiche e di status, che non va mai diminuito, perché costituisce la loro essenza: casa, auto, sono i symbol che attestano il loro livello sociale, disponibili a difenderli con unghie e denti. Che squallor!

Farò qualche esempio: uno che ti conosce bene, ti apprezza pure, ma non muove un dito per darti una mano se hai bisogno, timoroso di crearsi problemi, ovvero per mera pigrizia; un altro che teme di perdere il proprio standing se si espone a tuo favore pur in una situazione assolutamente innocua; un terzo che…

E poi abbiamo anche gli asini-bugiardi qui spesso citati per altro che per lodi: ad esempio Di Maio, il quale afferma che l’Italia conferisce 20 miliardi all’anno all’Europa, mentre invece sono 13 di cui 11 vengono resi sotto forma di contributi, e quindi al netto sono 2: una falsificazione del 1000%; oppure, sempre lo stesso asino bugiardo: “Vi è stato il 40%  di trasformazioni di contratti di lavoro da tempo determinato a indeterminato nel terzo trimestre del 2018, e quindi un successo del Decreto Dignita“, dimenticandosi di dire, però,  che nel primo e nel secondo trimestre dell’anno in corso le trasformazioni sono state rispettivamente del 57 e del 47% con la normativa del Jobs act. Balle sesquipedali, dunque, ché il cosiddetto “Dignità” ha peggiorato la situazione..

Oppure l’altro socio, quello che fraternizza con i delinquenti degli stadi, afferma che la “Fornero” sta venendo smontata pezzo per pezzo, e ciò non è per niente vero, perché la cosiddetta “quota 100” interesserà forse un paio di centomila lavoratori, forse, riforma  dunque con mille limiti ed eccezioni. La “Fornero” resta perché gli conviene, a Salvini, e a qualsiasi che governi, e ciò per ragioni finanziarie-attuariali. E che ne è della flat tax, che sarebbe interessata pure a me con il 43% di fiscalità complessiva che mi ritrovo? Con la manovra le tasse sono aumentate. Come si vede, ciò che dice in tema di programmi di governo quest’uomo son propaganda e balle.

Tornando al “campioncino” (incredibilmente sempre ben rasato) campano sul cosiddetto “reddito di cittadinanza”: nonostante l’enfasi tutt’ora posta sul tema, si dimentica di dire che dai 9 o 17 miliardi che millantava di poter spendere solo un mese fa e sei mesi fa, rispettivamente, ha dovuto fare marcia indietro fino a 6: poco più di un terzo, e dunque la capienza per persona avente diritto, chissà in base a quali calcoli ISEE, per mese, passa dai vantati 780 euro a 400 forse. E altre falsità che qui potrei elencare.

Questi due imbroglioni vanno smascherati colpo su colpo. Peccato che le opposizioni sono quasi afone o poco credibili, con una Forza Italia ridotta ai minimi termini e un PD capace solo di litigare al proprio interno. Dei sinistri di LeU neppure dico, così come evito di citare i pochi seguaci meloniani, ché sono, gli uni e gli altri, insignificanti.

Ho scritto questo pezzo per mettere vicino le povertà mentali e politiche di questa fase italiana, ma orgoglioso che 27 milioni di Italiani ogni giorno vanno silenziosamente a lavorare, quasi 8 milioni di studenti a studiare e forse 40 milioni di donne a renderci la vita più degna di essere vissuta, nonostante i cacasotto, di cui manca un pur breve elenco, che non riporto perché si tratta di persone da me conosciute e che spero migliorino, i bugiardi e gli asini di cui sopra.

I palloni gonfiati

L’immagine dell’antico pensatore Cleobulo ha a che fare con questo testo, anche se qui parlerò di altri.

Me ne vengono in mente due di palloni gonfiati, intanto (ma ve ne sono molti di più), uno della maggioranza politica attuale, il prode e vanesio Di Battista, attualmente non operativo in politica, perché in vacanza da mesi -mi pare pagato da un quotidiano per i suoi reportage– e uno della minoranza, Renzi.

Come vedi, caro lettore, i palloni gonfiati così come le persone valide, si trovano ovunque. Basta non essere manichei, cioè convinti di avere sempre ragione e gli altri torto.

Palloni gonfiati sono coloro che parlano non perché sanno, ma perché pensano di sapere, e alzano la voce, per farsi ascoltare ma, ancora di più, per ascoltarsi. Costoro si amano, gongolano nell’ascoltare la propria voce, son bravi nel disprezzare gli altri che trattano da sbruffoni. Se dovessi paragonare in un benchmark i due sopra citati, e valutarli con gli stessi item e con l’utilizzo della solita scala Likert da 1 a 5, cioè da pessimo a ottimo, la sorpresa è quella di vederli quasi sovrapponibili. Informo il gentile lettore che solitamente utilizzo i medesimi item nell’attività di selezione del personale in azienda.

Proviamo.

Il primo item è quello dell’atteggiamento. Bene: tutti e due, Renzi e Di Battista, sono pieni di se stessi, in qualche modo analoghi ai superbi descritti da san Paolo ai tempi suoi: “(…) erecti sunt mente tyrannica contra regem et Dominum suum, ut… deorum sibi nomine assumerent, et inflati superbia in judicium diaboli inciderent“(I Tim).

Il secondo è quello delle competenze. Tutti e due hanno un pezzo di laurea, una laurea, ma non paiono essere particolarmente versati nella ricerca, peraltro come tanti laureati che anch’io conosco, i quali pensano di aver finito di studiare una volta avuta in consegna l’agognata pergamena della Repubblica Italiana. E invece è è proprio il contrario: conseguita una laurea bisogna continuare a studiare per sempre, cioè finché morte non ci separi da tutta la materialità terrestre.

Se non mi sbaglio il primo ha studiato giurisprudenza e il secondo la facoltà più inutile, facile e banale dell’ordinamento accademico, scienze della comunicazione, ma triennale, cioè il nulla.

Il terzo item è quello del potenziale, che mi pare essere abbastanza scarso, nonostante loro credano di essere chissà chi. Montati la testa. Bisognerebbe incaricare uno psicologo esperto in test psicometrici per approfondire. Io gliene posso consigliare più d’uno. Amici miei, professionisti molto affidabili.

Il quarto è quello dell’inseribilità. Proviamo a pensarli in un contesto aziendale. Con il carattere che hanno chi li sopporterebbe? Una delle condizioni più importanti per l’inserimento di un lavoratore in una qualsiasi struttura organizzativa è la qualità relazionale che favorisce, se buona, la collaborazione tra diversi, molti dei quali erano già lì, e hanno il diritto di essere rispettati, dovendo osservare il corrispondente dovere di accogliere bene il nuovo arrivato.

La postura: uno è ciondolante à lu bellu guaglione, l’altro che è bruttino anzichenò, cammina come un tacchino che sta per fare la ruota. Quest’ultimo, che è il ragazzotto toscano, non cammina, marcia sempre con piglio determinato, e guarda sempre avanti, dà la mano a chi incontra senza guardare la persona per più di un nanosecondo, e portandosi immediatamente verso il successivo di cui, si vede chiaramente dal linguaggio del corpo, non gli frega nulla.

Quello ciondolante coltiva una barba corta sul volto da quarantenne, consapevole di piacere abbastanza alle guaglione, il piglio è da bel tenebroso, l’eloquio è studiato ma non troppo, con pause ad effetto che colpiscono solo chi non ha mai visto o ascoltato Craxi.

Volendo, si potrebbero utilizzare anche altri item, per analizzare meglio i due buffoni, ad esempio la capacità attentiva.

Proviamo ad applicarla a Renzi. Non vi è dubbio che l’uomo di Rignano non mostra visibilmente grande attenzione per i suoi interlocutori. Già sopra si ricordava come sia sfuggente con chi incontra, a cui basta aggiungere il comportamento tenuto durante un incontro con Putin, quando si è fatto beccare a smanettare sullo smartphone. Come avrebbero fatto Berlinguer o De Gasperi, vero?

La capacità attentiva per il grillino, se si può chiamare così, pare essere connotata da un continuo accenno di irrisione verso l’interlocutore. Questo ragazzotto altino sorride di degnazione oppure ride, pensando di essere spiritoso. Quello che stupisce e non si spiega del tutto con la società mediatica è l’interesse, la copertura del viaggio in Guatemala di questo giovane uomo che sembra non avere altri meriti tra i quali nessuno pare meriti di essere ricordato.

Ambedue non si immaginano che non sono l’unico a leggergli “dentro”, a capirli ancora meglio di quanto si capiscano loro stessi. Molti Italiani se ne stanno accorgendo e pian piano li smaschereranno.

Il diseducatore civico

La dose quotidiana di verba salviniana a mio parere ammorba il clima morale e intellettuale della Nazione.

Il suo parlato d’ogni dì, parlo del vicecapo del Governo, quello leghista, contribuisce alla semplificazione cognitiva e all’aumento della superficialità dei discorsi, allena le menti già degradate a peggiorare, titilla i sentimenti peggiori, riuscendo perfino a sembrare buon senso, quasi saggezza popolare. 

Se non tragico, è drammatico che siamo a questo punto. Quando si sentono i suoi pronunciamenti, le sue tirate contro gli attuali ben poco attraenti capi dell’Unione Europea e sugli stessi temi si ascoltano i felpati ologramma-Conte e ministro Tria, vien da chiedersi “ma sono membri dello stesso Governo?”

Posto anche che giochino al vecchio e obsoleto gioco del poliziotto buono e del poliziotto cattivo, hanno stancato da tempo. Purtroppo dall’altra parte c’è il nulla o quasi. Evitiamo di parlare di ciò che resta del centrodestra, ma anche il Partito Democratico non gode di buona salute. E’ impalpabile, e ciononostante si intorta in defatiganti giochi di potere interno, cosicché vi è il rischio concreto che sarà sempre più insignificante nel confronto elettorale. Renzi sta costruendo il suo 10/ 12% di partito, a sentire pronostici interessati, per contrattare qualcosa con i responsabili ex Forza Italia. L’egoico autoreferenziale arrogante ragazzotto di Rignano sull’Arno, questo sta facendo.

Poi c’è la partita dei “papà”, di Renzi stesso, di Boschi e di Di Maio, che hanno fatto qualche erroruccio o erroraccio, al punto che le loro colpe rischiano di cadere sui rispettivi figlioli.

L’oramai ex partitone grillino ansima e sbuffa in mezzo a un bailamme di contraddizioni, in un’Italia che sta in attesa di… Di Battista, questo sta scritto sui giornali. Se la cosa non fosse intrinsecamente comica, farebbe piangere di rabbia.

Tornando al diseducatore civico ci si può chiedere: fin dove potrà tirare la corda? Par che perfino i suoi governatori regionali siano stufi di questa esposizione continuamente polemica, e inutilmente in cerca di sempre nuovi nemici. Come ci potrà essere una svolta?

Finché avrà questo pondus politico e mediatico, il tracotante capitan Salvini [chissà quanto è contento del grado militare attribuitogli dai suoi aficionados!], è difficile che cambi qualcosa. Perché cambi qualcosa il citato dovrebbe mettersi in questione e farsi qualche domanda sui suoi comportamenti, linguaggio, posture, modi, etc..

Ma ti immagini, mio lettor gentile,  un “Salvini” che si mette in gioco riconoscendo così -implicitamente- di avere qualche difetto riducendo un poco la sua ybris? E che ammette di aver bisogno di farsi aiutare? Faccio fatica a ritenerlo plausibile o possibile, troppo orgoglioso è l’uomo, troppo oggetto di lodi e approvazione per porre lui stesso qualche dubbio nel complicato gioco della comunicazione politica, su se stesso.

Lui che, ignorantissimo di Cristianesimo, in campagna elettorale sventola il Rosario mariano e una copia [ridotta] dei Vangeli, non sapendo che la Res Publica Christiana è stata accogliente e ha trasformato la rigida pòlis greca nella civitas cristiana. Salvini invece, senza sapere cosa sia l’ostracismo, vuole ostracizzare quelli che vengono da fuori, non avendo alba di come funziona il mondo, le grandi migrazioni, le derive dei popoli. Che cosa c’entra quest’uomo con Adenauer, Schuman e De Gasperi, veri cristiano-cattolici fondatori di un’Europa che da oltre settant’anni non guerreggia al proprio interno. Ebbene Salvini, sa che cosa ne sarebbe stato del continente senza la visione di quegli uomini?  Sa che la parola “con-fini” significa luoghi condivisi tra diversi? Sa che che le chiese e i monasteri erano aperti a tutti, anche ai servi della gleba che fuggivano dal servaggio? E lui si permette di chiudere? Chiudere cosa? Casa sua? Liberissimo di farlo, ma non pretenda di convertire con arroganza chi sa e pensa più di lui, oltre ad avere una visione etica migliore, più umana, più capace di interpretare il futuro.

Avrebbe bisogno di un aiuto filosofico, che gli faccia intravvedere le negatività del suo comportamento, i punti che alla lunga potrebbero anche indebolirlo, l’incerta cifra etica dell’intero suo comportamento, se per etica intendiamo il Rispetto integrale dell’Essere umano e del Vivente e di tutta la Terra, e del Cosmo.

Non perché lui offenda altri “enti” che non siano gli esseri umani, peraltro in buona [si fa per dire] compagnia di molti altri suoi colleghi di “mestiere”, epperò si dà rilevanza etica alla sua proterva arroganza, perché lede il rispetto basilare che a ogni uomo e donna è dovuto.

La sua sicumera, il suo piglio, i suoi toni sprezzanti, il suo evidente convincimento di non sbagliare mai, perfino il baffo spiovente, che gli dà un volto vagamente minaccioso, quasi à la Gengis Khan, sono offensivi per chi lo ascolta, solo che abbia un minimo di spirito critico. E poi c’è dell’altro: l’aspetto pedagogico-mediatico.

I suoi modi sono diseducativi per chi lo ascolta, specialmente se la soglia cognitiva e critica, e il livello culturale sono bassi. Salvini ha delle responsabilità oggettive sotto questo profilo, se si comporta come è solito fare.

Et de quo satis.


Florentia, seminario autunnale di Phronesis: “vado in carcere per… evadere”, mi dice Anna Maria, filosofa veneziana, che fa consulenza filosofica in carcere, e l’Anna, filosofa abruzzese, aggiunge che occuparsi dei “senza fissa dimora” le ha cambiato la vita, ovvero di come la filosofia insegna a guardare nel buio

Firenze: l’antica filosofa racconta del carcere, qui a Firenze, siamo vicino a San Lorenzo e alle cappelle Medicee. Michelangelo e ser Filippo Brunelleschi respirano vicino.

Anna Maria inizia dicendo che la consulenza filosofica non serve agli ergastolani bianchi o ostativi, perché forse sono irredimibili. O non ho capito o non sono d’accordo. Chi può dire che uno è irredimibile? E che cosa vuol dire “irredimibile”? Da che cosa ci si redime? Occorre convenire su che cosa sia la redenzione, concetto filosofico-religioso non facile. Ma poi si spiega meglio e siamo d’accordo.

Di solito ci si redime dal male. Il male ha una certa oggettività? Penso di sì.

C’è qualcuno che si “redime” pentendosi, e qualcun altro che non ritiene di doversi pentire di nulla, ma che si considera parte di un disegno più grande, oserei dire deterministico, spinoziano, su cui la volontà umana individuale conta poco o nulla.

La Anna da Pescara, filosofa insegnante e consulente vede i carcerati da anni e vive l’esperienza come una dimensione di rinforzo, prima di tutto per se stessa.

Tutte e due chiariscono innanzitutto che non visitano i carcerati, opera di misericordia spirituale, con intenti pedagogici, ma essenzialmente come luogo e occasione dove si cerca di dare gli strumenti per un rischiaramento logico sulla vita e sulle scelte, e questi strumenti possono essere accettati o anche respinti. Ognuno è -relativamente- libero.

Qualcuno/ a dei colleghi/ e precisa “molto relativamente” (libero). Spinoza non è pensatore di poco conto, e non vi è alcun cinismo nella constatazione di far parte di un contesto molto e strettamente cum-textus, con-tessuto, quasi inestricabilmente. Il mio amico tutelato nelle patrie galere sostiene di essere stato “necessitato” a fare ciò che ha fatto. Sembrerebbe una scusa a uno sguardo superficiale, e potrebbe esserlo.

Invece non è una scusa, ma è spiegazione insufficiente, poiché il libero arbitrio non è una fola, si dà, esiste, funziona. Io devo-volere-andare-in-bici, ché la bici senza la mia forza non fruscia nel vento. Il mio tono muscolare, la mia emoglobina, non dipendono solo dalla genetica, ma anche dai miei comportamenti, al punto che un giorno del 2015 mi salvarono la vita, quando un medico distratto, che mi aveva operato a un menisco, aveva dimenticato aperta un’arteriola.

Sostengono che la relazione con il carcerato cura, la relazione è terapeutica e può promuovere, senza intenzioni, anche una buona eterogenesi dei fini.  Ognuno di noi non sa che cosa può succedere in ragione di vettori causali che non conosciamo, e dunque la sola volontà individuale non basta, non è l’unico vettore.

L’impostazione della Corradini a volte ricorda quella di papa Giovanni XXIII (ma guai a dirglielo, ché la signora non sopporta molto né le parafrasi né le metafore, e ciò è un po’ poco filosofico) che distingueva rigorosamente tra peccatopeccatore, ma non ammette che si entri in ambito etico, posizione che non condivido. Si può invece entrare in quest’ambito dopo avere lavorato sul piano logico e argomentativo, allo scopo di togliere -se possibile- ogni zoppia discorsiva ragionante. Tutto l’uomo, l’uomo razionale e l’uomo etico stanno insieme: le ragioni e le differenze tra bene e male sono ben presenti alla coscienza.

Tutte e due hanno parlato del “tempo” del carcere. I ristretti ne hanno molto, e parliamo del tempo cronologico e anche di quello interiore, il kairòs. Il tempo interiore è il tempo della libertà… di pensiero, che vola libero oltre ogni confine, fisico e spirituale.

Gli ergastolani “ostativi” hanno il tempo infinito, perché non hanno nulla da fare. Tremendo, cruciale, drammatico, a volte mortalmente pericoloso.

Le due filosofe hanno visto le prostitute, gli omicidi, i mafiosi, i tossici e i pedofili, di tutti i generi e specie. Anna Maria raccomanda inoltre di non spendere molto il nome di “consulenza filosofica” con gli psicologi perché questi, di solito, con qualche eccezione, fanno fatica a capire la differenza tra il lavoro psicoterapeutico e quello filosofico pratico. Lo spiegheremo sempre meglio, anche se a me non crea alcun problema.

E poi c’è il tema del perdono, inteso come sentimento che può riguardare le vittime, ma anche le famiglie di quelli che hanno commesso delitti, e infine il perdono verso se stessi, il più difficile. Il perdono è sempre performativo, trasformante l’anima.

E il perdono ha a che fare con il tempo, perché richiede espiazione. Se il tempo si connette all’espiazione ecco che mette la persona nelle condizioni di cambiare la propria vita, poiché non si può dare colpa senza espiazione. Ogni reato presuppone una colpa, se commesso in piena avvertenza e deliberato consenso, usando un linguaggio teologico, e ogni colpa un’espiazione.

Personalmente ho la possibilità di dialogare con l’ambito delle vittime e l’ambito di coloro che le hanno rese vittime. Uomini, uomini e donne. Mondi diversi di umani. Separare il delitto dal delinquente, il peccato dal peccatore, ma non è facile.

Un altro gran tema del seminario d’autunno lo tratta la Norma, piccola e molto culta sicula, maritata a Udine con l’amico professor Giorgio. Lei parla di Alzheimer, con competenza appassionata. Pomeriggio straordinario e tremendo, nel senso che “fa tremare” anche di legittima paura di essere-umani. Può misteriosamente toccare a tutti. Può. E si spera che non capiti, poiché non vi son tante cure, o nessuna, per ora. Occorre studiarlo e accompagnare le persone lungo il cammino senza la pretesa e la spocchia di altre arti umane contermini di codificare e classificare tutto e in ogni caso.

L’Anna da Torino aveva trattato il suo lavoro alle Molinette, pioniera a proporre l’approccio filosofico al dolore, a malati e parenti, e al disagio, ai dipendenti. Il tema generale di Anna da Torino è quello delle Medical Humanities, ancora poco diffuso, e c’è dunque molto da fare, sia da parte delle amministrazioni, sia delle professioni mediche, sia infine da parte dei filosofi pratici.

La filosofia non è la badante della psiche, come pensano che tale sia -più o meno- la loro arte  molti psicologi, ma l’arte di farsi domande e di vigilare sulla struttura del pensare, ovvero di come proporre e imparare un sentiero per guardare nel buio. La filosofia è lo strumento più antico e nel contempo efficace per imparare a far le domande giuste per trovare risposte ancora interroganti.

E’ il sentiero necessario per guardare nel buio.

E’ più giusto eticamente pulire il culo a un vecchio di Treviglio o fare la volontaria tra in bimbi orfani in mezzo alla foresta keniota, ovvero è questa una domanda corretta?

Caro lettore,

questa è la rude domanda che ho sentito fare da più parti, in tv e sul web. La “pancia” di molta gente evidentemente se la fa, non solo gli eroi della tastiera e gli odiatori di professione. Il linguaggio corrente non somiglia per nulla alla prosa del Manzoni migliore o di Carlo Emilio Gadda, ma imita -peraltro inconsapevolmente- quella di un Bukovski ubriaco fradicio, senza sfiorar neppure lontanamente il talento.

Un altro “stigma” polemico  in argomento è il ricordo delle due Simone, e di Greta e Vanessa? La domanda  più diffusa è: “sai quanti soldini son costate per liberarle allo Stato italiano, cioè a noi“? Oggi sono diversamente incazzato, sia con Silvia Romano, sia con quelli di cui sopra, odiatori ed eroi della tastiera, e chi mi ha incontrato se ne è accorto. Ogni giorno è diverso e noi cambiamo ogni giorno di più o di meno, ognuno è più o meno forte e coraggioso, e ognuno può permettersi di più o di meno di mostrare il proprio grado di incazzatura. E’ normale aiutare chi ha di meno e soprattutto chi ha bisogno, ed è normale anche incazzarsi.

Sono d’accordo per fondamenti etici miei sull’aiuto al prossimo, ma se non si pensa a come lo si aiuta, si rischia di fare guai a se stessi e agli altri. Il buon Samaritano non temeva i briganti lungo la strada, perché era attrezzato, e stava andando verso Gerusalemme, non verso il deserto del Negev.

Vi è un rapporto tra egoismo ed altruismo, e non è detto che quest’ultimo sia sempre il sentimento adeguato da vivere. Se uno non è almeno un poco ragionevolmente egoista per difendere se stesso, come può pensare di occuparsi degli altri?

Questa Silvia ventitreenne era stata sconsigliata di andare in quel luogo da un capo volontario, non da Salvini. E lei no, lei è andata dove era più pericoloso. Coraggiosa o temeraria? La temerarietà è coraggio all’ennesima potenza o idiota generosità oppure idiozia generosa?

Ascoltavo qualche giorno fa in viaggio verso Firenze il padre missionario e giornalista Giulio Albanese, che spiegava la situazione keniana, con dovizia di particolari, lui che ha fatto dell’Africa intera la sua meta costante di lavoro e missione. Spiegava che chiudere gli occhi davanti alla miseria africana, etc., è chiudere gli occhi davanti a problemi che da tempo stanno coinvolgendo e sconvolgendo tutto il mondo, anche con il successo dei trump e dei salvini,  che spiega l’insipienza  e l’istinto suicidiario della “sinistra”.

Bada bene, gentile lettore, sai che non puoi accomunami ai buonisti da salotto che imperversano nei talk e nelle forze (meglio dire debolezze) di sinistra, ma non me la faccio raccontare da nessuno. Autonomamente penso, dopo adeguata documentazione, non come i cialtroni (quelli  son) da bar e da tastiera, che mai sbagliano solo per sentito dire dalla lor parte politicante.

Le scelte individuali comportano responsabilità individuale, ma possono, anzi sono, condizionate dal contesto in cui si vive.

E dunque: che dire della scelta di Silvia? Noi non siamo lei né siamo in lei, né conosciamo il contesto esistenziale nel quale è cresciuta, per cui ogni nostro giudizio è necessariamente parziale e insufficiente. Forse occorre, come sempre, anche in questo caso un approccio filosofico, che innanzitutto permette di non giudicare e poi di applicare la riflessione logica, che può indicarci più o meno la ragionevolezza di una scelta.

Il resto lo fa il sentimento, l’emozione, la passione per la vita, la generosità, l’apertura o aperità all’altro, in modo da costruire relazioni intersoggettive piene di verità.

Le nevi del Grappa

Il grande Sacrario si staglia a quasi 1.800 metri contro il cielo terso, azzurro dopo la neve caduta. E’ nevicato e l’inizio dell’inverno in altura si è già manifestato, ma novembre ha riportato il sole e l’azzurrità delle alte cime.

Mario scivola e lascia sulle nevi del Grappa una piccola scia di sangue. Lo soccorro come si soccorre un commilitone alpino di cent’anni fa. Con rispetto dei 24.000, di cui 20.000 ignoti morti lì, Italiani e Austro-Ungarici, sorridiamo del suo piccolo sacrificio. Sangue di viandante offerto alla Patria. Il paesaggio è sconfinato e si capisce la ragione per cui i fanti e gli alpini italiani resistettero invitti lassù. Gli obici e i cannoni da 149/13 campali erano una barriera di ferro e fuoco insuperabile. Il Monte Grappa è un acrocoro inaccessibile a chi lo attacca, e da lì è partita le riscossa dell’italico esercito, fatto giovani di tutte le regioni. Cadorna è, grazie a Dio, disarcionato da re Vittorio e dal Capo del Governo Vittorio Emanuele Orlando, e sostituito da Armando Diaz, leale hidalgo ispanico.

E viene la battaglia del Solstizio d’estate, Vittorio Veneto, il Piave, il proclama un po’ altisonante del generale Diaz, che caro lettore puoi leggere sotto, la vittoria. Le grandi Nazioni d’Europa si sono scannate per quattro anni, fiumi di sangue, immenso dolore, milioni di morti, quasi tutti giovanissimi. E ora qualcuno vuol disfare l’Europa che ha richiesto tanta sofferenza per trovare sponde comuni.

Ecco il proclama del generale Armando Diaz dopo la vittoria.

«Comando Supremo, 4 novembre 1918, ore 12 Bollettino di guerra n. 1268

La guerra contro l’Austria-Ungheria che, sotto l’alta guida di S.M. il Re, duce supremo, l’Esercito Italiano, inferiore per numero e per mezzi, iniziò il 24 maggio 1915 e con fede incrollabile e tenace valore condusse ininterrotta ed asprissima per 41 mesi, è vinta. La gigantesca battaglia ingaggiata il 24 dello scorso ottobre ed alla quale prendevano parte cinquantuno divisioni italiane, tre britanniche, due francesi, una cecoslovacca ed un reggimento americano, contro settantatré divisioni austroungariche, è finita. La fulminea e arditissima avanzata del XXIX Corpo d’Armata su Trento, sbarrando le vie della ritirata alle armate nemiche del Trentino, travolte ad occidente dalle truppe della VII armata e ad oriente da quelle della I, VI e IV, ha determinato ieri lo sfacelo totale della fronte avversaria. Dal Brenta al Torre l’irresistibile slancio della XII, della VIII, della X armata e delle divisioni di cavalleria, ricaccia sempre più indietro il nemico fuggente. Nella pianura, S.A.R. il Duca d’Aosta avanza rapidamente alla testa della sua invitta III armata, anelante di ritornare sulle posizioni da essa già vittoriosamente conquistate, che mai aveva perdute. L’Esercito Austro-Ungarico è annientato: esso ha subito perdite gravissime nell’accanita resistenza dei primi giorni e nell’inseguimento ha perduto quantità ingentissime di materiale di ogni sorta e pressoché per intero i suoi magazzini e i depositi. Ha lasciato finora nelle nostre mani circa trecentomila prigionieri con interi stati maggiori e non meno di cinquemila cannoni. I resti di quello che fu uno dei più potenti eserciti del mondo risalgono in disordine e senza speranza le valli che avevano discese con orgogliosa sicurezza.»

(Armando Diaz, comandante supremo del Regio Esercito)

L’origine del monte risale a circa dieci milioni di anni fa, per lo scontro – tuttora in atto – fra la zolla del continente africano e quella europea. La montagna è fatta di rocce marine: Calcari Grigi, il Rosso Ammonitico, il Biancone, la Scaglia Rossa.

L’uomo si fa la guerra e la natura, ferma, guarda col suo occhio poco men che eterno, rispetto alle nostre povere e brevissime vite. E mi vien pietà per coloro che scrivono, quando un uomo muore sui monti “Montagna assassina””. Ecché, sarà idiota l’umano che la sfida, pensando di poterla dominare.

E mi sovviene il passo lento degli alpini in fila verso il grande monte, camminando con calma, zaini da trenta chili in spalla e i muli con gli affusti degli obici e le mitragliatrici pesanti.

Di questo si parla con Mario scendendo verso il Brenta che circonda il monte e il Piave che lo sfiora a Est, e prima che la sera giunga rapida.

 

La piazza dei trentamila a Torino, o “Esisto solo se qualcuno mi ascolta, ovvero esisto solo se qualcuno mi legge…”, ma è proprio sempre vero?

Anche se la TAV non mi convince del tutto, fossi stato a Torino avrei partecipato alla marcia dei trentamila favorevoli a quest’opera, alle Olimpiadi invernali e a tutto quanto grillini e sindaca dai capelli di fil di ferro non vogliono fare. Mi oppongo a qualsiasi cosa questi selvaggi arroganti e ignoranti vogliano fare. E spero che i miei non pochi amici torinesi siano stati in piazza, che Elena, Stefania, Roberto, Maurizio…, perché gli riconosco un’intelligenza e una sensibilità importanti, tali da non farsi intortare da un/ a appendino (femminile o maschile?).

Sono contrario a tutto quello cui sono favorevoli questi falsi puritani della politica. Non mi convincono in nulla, né come idee e programmi, né come gruppi dirigenti e leader. Le loro idee sono prive di cultura etica e socio-politica, anzi, con i loro riferimenti generici a Rousseau, perfin pericolose. Penso che neppure il capo della Srl che li governa oggi, e suo padre R.I.P.,  conosca o abbia conosciuto poco o punto il pensiero del mediocre e troppo esaltato filosofo ginevrino. I loro leader ignoranti sono e mediocri, e perciò arroganti e protervi, a partire dal chierichetto campano, per continuare con u bellu guaglione, l’inutile reduce dal Sudamerica. Mi meraviglia come e quanto il suo viaggio sia stato tanto mediatizzato. Infatti di Di Battista chissenefrega! E la tontolona magra-piccola-anche-di-intelletto sindaco femmina di Roma?

Il tanto da lor invocato “popolo” si è ribellato in una delle capitali d’Italia, a Torino. Spero sia l’inizio di un non lunghissimo declino, sempre se altri si sveglieranno dalla loro attuale afasia. Qui entra in campo il secondo argomento, strettamente correlato al primo.

Il popolo può farsi ingannare per un periodo, e non lungo, perché poi, quando si accorge di essere buggerato dai populisti, si ribella e li manda a quel paese.

Il maestro Ennio Morricone a novanta anni suonati spiega il suo rapporto con la musica, dicendo che essa esiste solo se qualcuno la esegue e qualcuno la ascolta, e ciò può valere in qualche modo -nel mio piccolo biografico- anche per me. Con qualche osservazione diversa: questa sua concezione indica una forma di idealismo relazionale à la Martin Buber e Emmanuel Lévinas. Son d’accordo e non son d’accordo.

Non si può dire, infatti, che-si-è solo se si è ascoltati (musica e parole) e letti, poiché chi non scrive musica e parola, allora, non “sarebbe”: falso. La battuta di Morricone è metaforica, un po’ estremistica, senz’altro melodrammatica.

E poi, come la mettiamo con il silenzio? forse che il silenzio è un “nulla”? neanche per idea. Il silenzio è virtù, per san Benedetto da Norcia, ed è… musica, proprio per Morricone, Beethoven, Bach, Mozart, Haendel, Verdi, Wagner e compagnia musicante, compresa la mia Beatriz. Che cosa è una pausa tra due suoni se non musica essa stessa?

Si è certamente se si è ascoltati, visti, considerati, rispettati, letti, etc., ma anche se no. Vivendo in un bosco remoto in uno chalet di legno, puoi evitare incontri sgradevoli, limitandoti a recuperare periodicamente i viveri necessari.

Le sette donne leader sconosciute di Torino mostrano la parte di veridicità delle tesi di Morricone e di Descartes. “Penso e dunque sono, parlo e dunque sono, qualcuno mi ascolta e dunque sono, e così via…”. Infatti a volte non basta vivere nello chalet aristotelico… per essere. Può bastare per esistere, ma non per essere… per gli altri. Occorre dunque uscire dallo chalet, prendere il sentiero che porta alla strada, inforcare almeno una buona bici e giungere alla città degli uomini, e lì cercare altri simili, parlare e farsi ascoltare.

Infine occorre scegliere una piazza e riempirla, senza fare baccano, senza bandiere, pura presenza dell’esserci, essenziale dasein heideggeriano. I su nominati leader, invece, che sono ignoranti e fanatici stiano dove sono fino a scomparire, che è il loro destino segnato.

Older posts Newer posts

© 2019 Renato Pilutti

Theme by Anders NorenUp ↑