Renato Pilutti

Sul Filo di Sofia

Tag: ascesi (page 1 of 13)

Conoscevo Pierre Carniti

Non solo lo conoscevo e lo stimavo, ma voglio scriverlo qui, a beneficio dei miei lettori, e anche dei sindacalisti oggi operativi, a volte immemori che ho avuto diverse vite, tra cui una atta a consentirmi di lavorare con persone che hanno “fatto la storia” del sindacato, come Pierre Carniti.

Verso il 1980 entravo in quel mondo “socio-politico” da ragazzo studente lavoratore, mentre Pierre veniva eletto segretario generale della Cisl. Nei primi anni lo vedevo da distante, ma quando entrai da segretario friulano negli organismi nazionali un lustro dopo, lo vidi spesso. Uscito dal sindacato ebbi modo di incontrarlo ancora, come racconto più sotto.

Carniti era nipote di Alda Merini, buon sangue creativo. Inizia nel sindacato Cisl a vent’anni, come operatore nella zona industriale  Sempione di Milano. Nei primi anni Sessanta spinge per una contrattazione articolata e diventa segretario dei metalmeccanici, la Fim. Il suo spirito è immediatamente unitario verso Cgil e Uil. Nel 1965 è segretario nazionale della Fim e nel ’70 ne viene eletto segretario generale. Nel 1977 è segretario generale aggiunto della Cisl, per assumerne la guida nel ’79 e fino al 1985.

Il suo tormento, ma anche la dimostrazione di coerenza e ottimismo della volontà è l’accordo di San Valentino nel 1984, che taglia quattro punti di contingenza, fortemente voluto da Bettino Craxi per calmierare l’inflazione. Io c’ero e, come lui in altri modi , mi beccai il titolo di “servo dei padroni” davanti a più di mille operai della Zanussi di Porcia, da parte di un imbecille che allora seguiva i metalmeccanici della Cgil. Questi poi ebbe modo di dar prova evidente del suo opportunismo egoistico in aziende cooperative.

Il referendum abrogativo promosso dal PCI e dalla componente comunista della Cgil, con un segretario, Lama, lacerato dalla divisione nel sindacato, registra la vittoria della linea Carniti e… mia. Faccio per dire. Una vittoria della ragione, forse.

Erano i tempi in cui le Brigate Rosse facevano politica con le pistole, e uccidevano persone come il professor Ezio Tarantelli, consigliere di Carniti, cattolico progressista e giurista rigoroso. Uscito dal sindacato, Pierre, vicino ai socialisti, non si piega mai a convenienze di partito. Troppo idealista? No, realista progressista come me, che rifiutai verso la metà degli anni ’90 offerte di lavoro convenientissime, quando -senza paracadute politici e cooperativistici- come molti miei colleghi, se queste offerte offendevano la mia coscienza. Eroismo? No, ancora una volta un sano realismo dell’onestà. Lo ho sempre per certi versi a me ritenuto affine, anche se lui era una terza media, ma valeva più di molti laureati. Io lo ero, avevo studiato lavorando, uno dei pochi dirigenti “studiati” nel sindacato. Carniti era naturalmente colto, non come i pretenziosi odierni politicanti , che pretendono quasi si creda possiedono una sorta di scienza infusa, come quelle pentecostale dei dodici apostoli gesuani, a loro certamente ignota.

Con Ermanno Gorrieri, Carniti e altri, fondano nei primi anni ’90 gruppi di lavoro ispirati a “princìpi etico-politici di difesa della vita umana, della prole, della dignità umana, del lavoro, della democrazia, della famiglia, della libertà, della fraternità, della equità, della solidarietà, del rispetto delle culture delle altre persone da considerare come opportunità per un dialogo ed un confronto, vissuti come fonti di possibilità di incontro e di arricchimenti umani reciproci, del non impedimento nell’affermazione della propria identità e nel relazionarsi, della rivendicazione delle differenze (ognuno è differente dall’altro ma con eguali doveri e diritti) e del conflitto, non violento, nei confronti della società del capitalismo materialista-consumista causa, fra l’altro, di inaccettabili ed enormi disparità fra le persone e le popolazioni” (dal web) con cui ho dialogato anch’io, a lungo. I suoi Cristiano Sociali sono stati infatti tra i fondatori dei Democratici di Sinistra e del Partito Democratico, cui forse ora manca proprio quell’ispirazione autentica.

Con Pierre partecipai come relatore a due meravigliosi seminari, e c’era in uno anche l’amico Alex Langer, a Spello e a Bolzano: allora si parlava di ambiente e industria, di questo difficile rapporto, che non può mai diventare uno sposalizio, perché attraversato da intrinseche tensioni e torsioni tra interessi, convenienze e obblighi. Ma con il sindacalista asceta, ebbene sì, asceta, cioè capace di esercitarsi laicamente senza farsi condizionare neppure dalla sua cultura cattolico-democratica e socialista libertaria, si ragionava senza restare mai prigionieri di schemi e di pregiudizi. In piena libertà.

Grazie e ciao Pierre, mio buon amico.

I due babbei

Facciamo un giuoco, il giuoco dei due babbei, come se fossimo dentro una novella del Decameron del grande di Certaldo o del Centonovelle di Franco Sacchetti, e il titolo del racconto fosse proprio quello.

C’erano una volta due babbei che facevano a gara per mostrarsi intelligenti, come spesso capita ai babbei, non sapendo che non occorre mostrare intelligenza, quando c’è, poiché essa deborda, si esprime, si vede, si percepisce in parole, atti e fatti. Se invece l’intelligenza è scarsa non c’è consapevolezza di tale carenza. Oggi come ieri e l’altro ieri.

Ed eccoci nel sedicesimo secolo.

Carlo V e Francesco I, dimenticando per un momento la loro irriducibile ostilità, hanno convocato alle porte di Milano il margravio del Lombardo-Veneto, sua Eccellenza messer Salvino, e il principe delle Due Sicilie sua Altezza messer Geggè Dimmaio, per discutere dell’arduo tema del fisco, cioè delle gabelle richieste dai due sovrani, tenendo anche conto dell’obolo di San Pietro esigito dal Pontefice da parte del popolo. I due regnanti hanno ascoltato le lamentazioni dei vassalli con graziosa disponibilità, ma hanno chiesto con forza di procedere a un aumento delle riscossioni gabellari, poiché le guerre in corso per le Province Unite (più o meno l’Olanda attuale)… non possono aspettare. Bene. A quel punto i due prodi sottoposti hanno proposto ai regnanti di chiedere ai banchieri di Firenze, i Medici, e di Augsburg, i Fugger, di depennare dal passivo gravemente consolidato tutti i denari finora prestati ai regnanti stessi dalle banche su nominate per allestire i rispettivi eserciti, trasformandoli in obbligazioni o in altre forme possibilmente meno o per nulla vincolanti per i debitori, cosicché non ci sarebbe stato più bisogno di gravare sul popolo contribuente.

Risparmio al mio gentile lettore la reazione dei due sovrani, che non si limitò agli insulti, ma passò alle vie di fatto, a cura delle rispettive guardie del corpo, che in ambo i casi erano mercenarie, picchieri svizzeri! In ogni caso gli insulti sopra numerari furono:

babbèo agg. e s. m. (f. -a) [da una radice onomatopeica bab-; cfr. anche babbuasso e babbuino]. – Sciocco, semplicione, credulone: sei un gran babbeo!

cretino agg. e s. m. (f. –a) [dal franco-provenz. crétin, propr. «cristiano», adoperato prima con senso di commiserazione «povero cristiano, poveraccio», poi con valore spreg.]. – Affetto da cretinismo. Nel linguaggio corrente, con sign. più generico e senza relazione con la malattia, stupido, imbecille e sim., per lo più come titolo d’ingiuria: sei un vero c.!; quanto sei c.!; mi prendi per un c.?; ci siamo comportati proprio da cretini. Anche di atti o parole che rivelano stupidità: avere un’aria c.; dare una risposta cretina.

stòlido agg. [dal lat. stolĭdus, affine a stultus«stolto»]. – Che ha o dimostra mancanza d’intelligenza, di prontezza, d’intuito: un vecchio s.come usano certi s. mariti del giorno d’oggi (C. Arrighi); per estens.: un comportamento s.una risposta stolida.

Aggettivi atti a definire persone di limitata capacità di discernimento e di buon senso o dal comportamento stolido, naturalmente menomate nelle facoltà mentali e psichiche; in psicologia, affette da imbecillità.

Sto documentandomi sulle varie definizioni che mi permettono di inquadrare il livello intellettuale e umano, non solo dei due vassalli secenteschi, ma dei loro emuli nostri contemporanei, cioè -tra non pochi altri- dei due soci che stanno cercando di fare il governo.

Il mio amico Paolo C. usa spesso la parola “babbeo” per definire il povero in spirito, ma non in senso evangelico, proprio in senso psico-neurologico. Sentirli parlare, dichiarare, rispondere dà subito l’idea dell’idiozia più crassamente evidente.

Se gli si volesse bene, e non è il mio caso, ci sarebbe da preoccuparsi ogni volta che si trovano con un microfono davanti al naso, perché potresti sentir dire, caro lettore, che “la Russia è un paese mediterraneo“, che “Lima è la capitale del Venezuela“, che la Costituzione… non so, ne hanno dette troppe: Di Maio premier perché votato da 11 milioni di italiani, in Italia non si vota il premier, e poi l’elenco dei ministri portato al Quirinale prima che il Presidente della Repubblica apra qualsiasi confronto, pazzesco.

E che dire del Comitato di Conciliazione, per risolvere eventuali controversie di merito tra le varie forze presenti nel Governo previsto soprattutto dai grillini? Che cos’è? un super-esecutivo? Ma se è già previsto in Costituzione il Consiglio di Gabinetto, che deve essere convocato dal Presidente del Consiglio e riguarda i responsabili dei principali dicasteri, come Esteri, Interni e Difesa… Non è che attorno al Comitato di Conciliazione, o addirittura dentro ci ritroveremo Casaleggio jr. o addirittura il buffone di corte fondatore?

Almeno Salvino, il margravio del Lombardo-Veneto, non ha fatto queste cappelle, ma il giovine disoccupato napoletano, o principe delle Due Sicilie, da chi è stato consigliato? da quel genio di Casaleggio jr.? Cosa succederà ora?, ora devono votare in tre o quattromila e approvare sulla piattaforma Rousseau (o bocciare) il governo?

Robis di maz, par furlan, cioè “cose da pazzi”.

I due babbei, i due stolti, i due cretini, i due imbecilli eppure se qualcuno mi chiedesse chi butterei dalla torre se Salvini o la Boldrina (oramai declino sempre al femminile il suo cognome, visto che ci tiene tanto a rendere femminile anche il neutro), butterei la seconda. Un brutto periodo, questo.

Utinam Deus nos servet.

Colate d’acciaio, cadute, scivolamenti, rischi, pericoli e loro prevenzione sul lavoro. Cultura della vita e cultura del lavoro devono camminare insieme

Il 2018, a un terzo dal suo inizio, sembra non aver fine nel presentare il conto di morti e feriti sul lavoro in Italia. Siamo a metà maggio e i dati sono impressionanti, come se fossimo tornati a prima delle normative attuali, che sono buone, cioè del Decreto 81 del 2008, se non del famosissimo “626” del 1994.

Occupandomi molto da vicino di questi temi, dall’osservatorio degli organismi di vigilanza e dei codici etici, non so darmi ragioni sufficienti di questi dati così preoccupanti. Nel concreto del mio lavoro mi informo quasi quotidianamente anche sugli infortuni meno gravi e anche sui mancati infortuni. Io stesso qualche giorno fa ho assistito a un “mancato infortunio”: un operaio è scivolato da uno scalino di almeno venticinque centimetri rischiando di picchiare il mento su uno spigolo a novanta gradi molto appuntito. L’ha salvato sicuramente il tono muscolare delle gambe, la reattività dei riflessi e la tenuta muscolo-tendinea del ginocchio destro. Come vedi, mio gentile lettore, entro proprio nel dettaglio fisico-posturale dell’accadimento, perché ogni fatto è legato o causato da infinitesimi micro dettagli, che possono modificare in meglio o in peggio la situazione, causando o meno conseguenze.

Le aziende più avvedute nell’organizzazione e nella gestione operativa, e rispettose delle normative vigenti, in diverse delle quali opero, lavorano curando con attenzione l’informazione e la formazione dei lavoratori, la strutturazione del servizio di prevenzione e protezione, la presenza di una buona vigilanza sanitaria, e infine una qualità relazionale e gestionale dei capi che sia in grado di trasmettere buone pratiche, sia con l’esempio e le raccomandazioni, sia all’occorrenza utilizzando la censura ad hoc, e il codice disciplinare contrattuale. Posto che la situazione sia sotto controllo sotto il profilo tecnico, normativo e della vigilanza, se accadono infortuni bisogna dunque volgere l’attenzione ai comportamenti dei singoli lavoratori e dei gruppi di lavoro.

Quando a metà degli anni ’50, in piena ricostruzione post bellica, il legislatore italiano decise di intervenire in tema di sicurezza del lavoro emanando, prima il Decreto legislativo 547 nel 1955 sulle norme antinfortunistiche, e l’anno dopo il Decreto 303 dedicato all’igiene del lavoro, all’ambiente e alle malattie professionali. Il sostrato teorico, etico e politico di questi due provvedimenti era fondato sulla fiducia nella possibilità di risanare gli ambienti e i posti di lavoro, e di renderli sicuri puntando essenzialmente, se non totalmente, sulla ricerca tecno-scientifica, tant’è che la stessa dizione normativa fin da allora invalsa per definire il massimo di possibilità di salvaguardia dell’incolumità psico-fisica dei lavoratori era un riferimento alle ultime e più avanzate scoperte delle tecno-scienze. In sostanza ci si basava e si riponeva una fiducia pressoché totale nella capacità dell’uomo di monitorare e di perfezionare quasi fino a una definizione teorica della sicurezza… assoluta. Illusioni? Direi di no, forse un eccesso di ottimismo, che ben presto ha generato l’esigenza di una profonda riflessione sul tema, riprendendo a porre al centro l’agire umano responsabile, frutto della riflessione razionale.

Nei decenni successivi lo sviluppo quantitativo e qualitativo dell’economia italiana e in particolare dei settori industriali, con particolare attenzione al manifatturiero, e l’aumento dell’occupazione hanno fatto comprendere, sia agli imprenditori, sia ai lavoratori e ai sindacati, che sarebbe stato necessario recuperare un nuovo protagonismo dell’uomo e della donna al lavoro, insieme con la consapevolezza di essere protagonisti del proprio quotidiano, non solo del proprio futuro. Nel frattempo, l’Unione europea, dai primi anni ’80, emanava alcune direttive in tema di sicurezza del lavoro e dell’ambiente, che sarebbero state riprese nei primi anni ’90 dalla legislazione italiana, proprio con il Decreto legislativo 626 del ’94.

In ambito politico europeo, a partire dalla Germania, cresceva nel contempo una nuova sensibilità ambientalista-ecologista con i movimenti “verdi” (i grünen), che contribuiva a indirizzare anche la legislazione lavoristica in tema di sicurezza del lavoro (security). Io stesso, nella precedente vita professionale in ambito socio-politico, ebbi modo di conoscere quel mondo e quelle sensibilità: si organizzavano convegni, corsi, seminari, collegando strettamente mondo del lavoro, della cultura e della politica. Ricordo ancora la Fiera delle Utopie Concrete di Città di Castello alla fine degli anni ’80, dedicata ai quattro elementi empedoclei dell’acqua, dell’aria, della terra e del fuoco, con ospiti che conobbi, gente del calibro di Ivan Illich e di Alex Langer. Altri anni pieni di speranza, più di oggi, ma non dobbiamo disperare.

Dopo la tragedia della Thyssen Krupp del 2007 in Italia è cresciuta la sensibilità, sia sotto il profilo normativo specifico, con il Decreto 152 del 2006 sull’Ambiente, e con il Decreto 81 del 2008 sulla tutela della salute e sicurezza del lavoro, che coinvolge sempre di più e meglio i lavoratori, sia nelle politiche e nelle buone prassi della sicurezza stessa, sia sotto il profilo etico-legislativo con il Modello di Organizzazione e Gestione ex Decreto 231 del 2001 e con i Codici etici. Personalmente ne sono coinvolto da poco meno di un decennio presiedendo organismi di vigilanza di aziende e associazioni di tutto rispetto per importanza e dimensioni di fatturato e occupazionali, là dove il tema della sicurezza del lavoro e dell’ambiente è sicuramente il principale.

Non si può che continuare su questa strada, informando e formando i lavoratori, collaborando con i rappresentanti aziendali e con i sindacati, con le strutture sanitarie e gli Istituti pubblici con l’Inail e l’Inps.

Sotto il profilo culturale si tratta di mettere al centro un’antropologia dei valori e un’etica declinata secondo il rispetto primario della vita e dell’incolumità psico-fisica delle persone che lavorano e dei cittadini che vivono dove si lavora. Ambiente e sicurezza vanno coniugati insieme, difendendo il business insieme con la qualità esistenziale di tutti e di ciascuno.

Da vicino nessuno “è normale”, o no?

Stamattina, caro lettor mio, mentre attendo mia figlia, ascolto Joseph Haydn, gran musicante, servitore dei principi ungheresi Esterhàzy, prima le sinfonie nr. 94 Mit dem Paukenschlag e nr. 104 Londoner, Slovak Philarmonik Orchestra diretta da Alfred Scholz, e poi quelle denominate dello Sturm und Drang, già un po’ romantiche o quasi, dicendo un poco impropriamente, beethoveniane, la nr. 26 Lamentatione, la nr. 49 La Passione e la nr. 58 senza titolo, suona l’orchestra The English Concert diretta da Trevor Pinnock,  e mi do tempo. Mi do tempo, non ho fretta, quasi quasi non ci credo, io che son sempre di fretta, veloce, tornato criceto impazzito, tornato impaziente con gli altri. Ho da darmi una regolata, me lo dico da solo.

Stamattina, nel silenzio di casa ai confini della campagna, con tanto verde intorno, mi sono dato tempo. Leggo della legge 180 del 1978, quella di Franco Basaglia, che permise di chiudere progressivamente i manicomi, dove venivano ricoverati gli alienati, pericolosi a sé e agli altri.

Letti e camere di contenzione dove stavano recluse persone per ore, giorni, settimane, mesi, anni, con il volto rivolto alla porta, il bugliolo portatile, mai occhi verso la finestra a volte a “bocca di lupo”. Su un muro di Santa Maria della Pietà, manicomio di Roma, c’è scritta la frase del titolo. Caro lettore, sei d’accordo che da vicino nessuno è normale? E poi che cosa significa “normale”? Più o meno agitato? Più o meno ragionevole? Più o meno preoccupante? Più o meno pericoloso? Cosa?

Nel periodo fascista i ricoverati passarono da circa sessantamila a oltre novantamila. I regimi totalitari hanno sempre usato i manicomi, per attestare la follia degli oppositori, che non vanno mai considerati come umani, ma semplicemente sedati. In qualche modo con i farmaci, e/o con la contenzione e/o con l’elettroshock. Non cito neppure i regimi cui mi riferisco, che il mio buon lettore conosce, e il giovane, se apre queste pagine, è bene che studi.

Leggo sulla Treccani “In psichiatria la terapia elettroconvulsivante (TEC), comunemente nota come elettroshock, è una tecnica terapeutica basata sull’induzione di convulsioni nel paziente successivamente al passaggio di una corrente elettrica attraverso il cervello.”

Si tratta di una tecnica terapeutica sviluppata negli anni ’30 dai neurologi italiani Ugo Cerletti e Lucio Bini. La letteratura specifica indica nella TEC una modalità terapeutica particolarmente indicata in tutte le psicosi da shock (melanconie, manie, deliri, legate a shock morali intensi, cioè quello che oggi chiamiamo “disturbo post-traumatico da stress“, nelle quali “avrebbe un successo del 100% con una media di 6-8 sedute; 80% di successi nella depressione, psicosi maniaco-depressiva e negli stati confuso-onirici di origine tossica (alcol), tumorale, infettiva; di contro, riporta come nelle patologie croniche, soprattutto se legate a danni fisici in ambiti localizzati del cervello, come le schizofrenie, demenza, ritardo mentale, autismo, epilessia, gli insuccessi e le remissioni superano i successi, giungendo al risultato che l’automatismo mentale indotto dalla crisi convulsiva sembra meglio influenzato se il disturbo è di origine ambientale, tantopiù se recente. Per questi motivi la TEC era considerata la terapia d’elezione per la depressione e le patologie ad essa correlate, piuttosto che per altri tipi di patologie, specie neurologiche. Per questo la TEC è stata usata non solo nelle patologie neuro-psichiatriche propriamente dette, ma anche in quelle psicosomatiche (derivate ossia da eventi ambientali vissuti): asma, eczemi, psoriasi, prurito di Hebra, dermatite seborroica, con risultati spesso favorevoli.” (dal web)

Un giorno o l’altro, caro lettore, parlerò qui di codesta terapia, che in una fase della mia vita, ho osservato molto da vicino, dolorosamente.

Un video sul web mi illumina su come si può curare il disturbo mentale. X è stata curata in Italia e in Germania, ma in Italia la sedavano e la tenevano reclusa, mentre in Germania poteva socializzare dipingere, fare teatro, sentirsi utile e anche… bella. L’autostima, crollata a terra dopo l’aggravarsi di un disturbo bipolare in schizo-affettivo, è di nuovo tornata, per una vita “normale”. Ecco, una “vita normale”. Che cosa è una vita normale? Chi è “normale”, cioè secondo norma? Sappiamo che norma, dal greco antico nòmos, significa legge, ma è possibile parlare di legge in questo caso? E’ ragionevole legiferare sulla mente e sul suo funzionamento? Siamo sempre ancora all’eterna questione tra visione biologistica e psico-spiritualistica. A seconda degli autori, siano essi antropologi, filosofi e psicologi, psichiatri o neuro-scienziati, si oscilla tra un polo e l’altro, come spesso in questo sito ho proposto in dialettica.

Chi sostiene che è tutto un problema di lobi orbito-frontali e di neuro-trasmettitori, dopamina, ossitocina, serotonina, etc., più o meno regolarmente funzionanti, non accetta molto volentieri le sottolineature di chi propone interventi più “umanistici”. Io mi colloco, ovviamente, tra questi ultimi, senza per nulla sottovalutare gli aspetti biologici. Noi umani siamo certamente delle bio-macchine, ma anche anime incarnate. La signora X, di cui ho detto sopra, parrebbe confermare che serve anche la dimensione psico-spirituale, proprio come è sotteso dalla “riforma Basaglia”.

Che dire, infine? Che la nostra umanità animale possiede forse (io ci credo) anche la luce dello spirito, pensiero della nostra anima e di Dio. E qui permettimi, caro lettore, una sottigliezza teologico-semantica: questa espressione “di Dio” è un genitivo oggettivo, ma anche soggettivo, cioè significa sia “pensiero di Dio”, cioè attribuibile a Dio, sia pensiero di Dio come un “pensare a Dio”. Bello, no?

E qui finisco nel silenzio della dies dominica.

La sagra delle rane, la deiezione terroristica e il “contratto” di governo

Momenti di comunione, feste popolari celebrate davanti ai templi o, in epoca cristiana, alle chiese hanno a che fare con il sacro, inteso come dimensione potente dell’essere, come ponte tra la vita ordinaria dell’uomo e ciò che sfugge da questa ordinarietà. Un testo importante in tema, che consiglio al mio gentile lettore è Das Heilige, Il Sacro, scritto da Rudolf Otto nel 1927, e tradotto in italiano da Ernesto Bonaiuti, docente di filosofia e sacerdote sospeso a divinis per “modernismo”, una posizione riformista all’interno di una chiesa cattolica ancora molto dogmatica. Lontanissimo ancora era il Concilio Ecumenico Vaticano II di papa Roncalli e Paolo VI (1963-1965, io ero già bambino consapevole, chierichetto, impressionato dai duemila padri in bianco nella Basilica di San Pietro).

“Sagra” deriva etimologicamente dal lemma latino sacer, cioè “sacro”, legato al sacro, al religioso, a qualcosa di grande, e infine a qualcosa di solenne e festoso. L’antropologo israeliano Harari, che insegna a Oxford, da me citato nel post precedente, si fa una domanda: quanto contente possono essere le rane della sagra di Rivis di Sedegliano, provincia di Udine, che oramai è un evento storico, nell’ambito di una tradizione, di diventare cibo fritto per gli umani? per gli animali-umani che siamo noi?

La domanda sembra peregrina ma non lo è. Senza essere animalisti, è importante che ci si renda conto che tutti i viventi senzienti soffrono, provano dolore, senza arrivare alle esagerazioni dei vegani che sostengono addirittura la sofferenza dell’insalata, quando viene colta. Si può anche ridere. Ogni tanto incontro qualcuno convinto (veramente?) che la Terra sia piatta a l’insalata soffra, persone che disprezzano chi legge e studia, vantandosi della propria ignoranza, a volte con disprezzo e violenza verbale inauditi. Come facciamo, allora, a meravigliarci se l’animale umano in situazione riesca ad agire come l’assassino di Parigi di iersera?

Pensavo a queste cose quando stavo andando a prendere qualche porzione di rane fritte per casa. Potrebbe venire anche da ridere, ma può far ridere o piangere qualsiasi cosa, dipende dall’ottica. dall’angolo visuale. I cinici non piangono mai, i sentimentali forse troppo.

Mentre tornavo, dunque, apprendo dalla radio che a Parigi e nell’isola di Java, nella città di Surabaya, ancora si muove il terrorismo. Coltello sulla Senna e armi da fuoco in Indonesia. Mentre noi aspettiamo un piatto sul gran fiume, altri umani disperano e si disperano uccidendo.

A Milano i due “vincitori” del 4 marzo elaborano i cosiddetto “contratto” di Governo, mentre il Presidente della repubblica svolge in piazza a Dogliani una lectio di diritto costituzionale su Luigi Einaudi, forse per “parlare a nuora”. Dubito che i due studiosi del “Pirellone”, Di Maio e Salvini, abbiano letto anche una sola pagina di Einaudi. Forse neppure sapevano che fosse venuto al mondo (Di Maio, ignora la posizione geografica della Russia, mentre io bambino di dieci anni conoscevo i nomi e lunghezze di tutti i maggiori fiumi del mondo, le altezze dei quattordici “ottomila” e le capitali). Mattarella dice che il Presidente della Repubblica non è un notaio, né un mero ratificatore di decisione altrui… parla di moral suasion, ma anche di possibilità di opporre veti a decisioni che non stiano in piedi. Egli, il Presidente è il custode della Costituzione, per tutti noi. Fidiamoci. Il Presidente  ricorda quando il suo predecessore Einaudi non seguì le indicazioni della Democrazia Cristiana di De Gasperi e nominò Presidente del consiglio l’onorevole Pella, mostrando le proprie prerogative costituzionali e i propri legittimi poteri. Ri-dico: fidiamoci, anche se il presuntuosetto campano afferma “Occorre pazienza perché stiamo scrivendo la storia“. Bum!

Torno al trittico argomentativo: rane, terrorismo, politica. Io tranquillo, le rane pronte. Non ho notizie da Parigi né da Milano. Non siamo disperati qui in Italia, ma un poco pre-occupati, vista la situazione politica.

Circa le rane e la sera che viene, son sereno. Con il terrorismo dovremo convivere, come abbiamo convissuto con guerre e armistizi, con stupidità e intelligenza, con violenza e cura, con Travaglio e Fazio. A proposito, avverto Travaglio che, più lui insulta Berlusconi e più quest’ultimo mi diventa simpatico, e penso anche a molti che come me lo hanno aborrito per due decenni.

Un’ultima idiozia da invettiva: sento Speranza di Leu (il nome di questo partito ha anche un brutto e cupo suono) attardarsi a criticare il PD, che ha perso milioni di voti, lui dice, per politiche sbagliate. Ma io chiedo a Speranza e ai Fratoianni, Civati, Boldrini, Bersani (D’Alema, più intelligente di costoro, almeno sta zitto, mentre i citati parlano senza vergognarsi), dove sono andati i voti persi dal PD? sono venuti a voi, poveri illusi, o sono andati all’ignorante Di Maio e all’insulso e pericoloso Casaleggio jr., oppure sono rimasti a casa il 4 marzo scorso? L’hai finita di fare le pulci agli altri, professorino da nulla, Roberto Speranza?

Circa il governo, qualcosa si farà, stiamo a vedere.

Il vento dell’Epiro

Otto mesi è più son passati dall’ultima venuta mia nel Meridione che più amo, la Puglia, frontespizio di Balcania, da cui la separa un mare stretto fino a sessanta miglia, a Otranto. Lungo il mare si cammina dopo la cena sobria consumata All’Ancora, con Salvatore e Davide, e il vento soffia dall’Epiro, dal paese delle aquile, come si chiama l’Albania, l’altra sponda.

C’è un vento che viene da est-sud-est e lo chiamiamo dell’Epiro, perché viene da quei monti, traversando il braccio di mare, che dalla costa barese sembra immenso, poiché non si vede l’altra sponda. Si deve pensare a ciò che potevano cogliere gli antichi abitanti, di qua e di là del bracci d’acqua, loro pensavano certamente a un Mare-Oceano, infinito, arduo e pericoloso per i loro piccoli legni galleggianti, che pure osavano mettere in acqua con remi e con vele grezze di canapa o lino. San Paolo era di mestiere un tessitore di vele e affrontò il mare naufragò presso Malta in uno dei suoi viaggi, rischiando la vita per Cristo.

La primavera è arrivata con il vento con piovaschi rari, annunziando una stagione piena di sole, quando sulle rocce del mare miriadi di umani si accalcheranno con i loro tavolini, i loro pasti, il gridìo di mille voci di animali umani e animali animali.

Il cammino è dolce, e si vorrebbe continuare fino a Bari, ma si farebbe notte fonda, e dopo sei chilometri si torna a dormire al Riva del Sole, che è sul mare e ben promette per l’estate.

Tornare all’azienda che seguo da ventitré anni ha una valenza simbolica importante, per me: è dire che la vita continua, il lavoro continua, il futuro è da costruire insieme con chi mi sta vicino e crede in me. Il vento veniente mi pare come un annunzio, un presagio, un incontro energetico che parla parole misteriose e profonde, indicibili col linguaggio umano, quasi la ruah biblica, cioè il soffio dello spirito, lo stesso che percepisce il profeta Elia tra le fronde degli alberi (1 Re 19, 9-13 ), un soffiar leggiero che scuote le fronde senza romperle. Elia non percepisce Dio nel tuono, nel lampo o nel terremoto, ma nel vento leggero che soffia, quasi un sussurro, perché Dio è discreto e non si ingerisce nella volontà umana, ma la rispetta solo suggerendo qualcosa, per chi sa e vuole ascoltare, con la coscienza, dove può remotamente sempre risuonare (cf. J. M. Echkart).

Ecco che il vento si fa a volte più forte e a volte si frena, quasi a voler lasciarmi pensare, mentre alterniamo discorsi a silenzi, come sempre si dovrebbe far nel cammino e nella vita. Anche il silenzio scandisce la musica, l’intervallo, l’attesa di ciò che vien dopo, che non si sa prima, ed è giusto così, perché tutto va in-ventato, cioè trovato, come insegna l’etimologia latina del verbo in-venire (trovare). En castellano se dice encontrar, sia trovare, sia incontrare. Che bello!

Come per dire che la vita ha le sue discontinuità, le sue gioie e i suoi dolori in alternanza, che non esiste una linea dritta, o la cosiddetta felicità, che è un falso pericoloso concetto. Accettare le cose senza chiedere nulla, ecco quello che sto imparando, non desiderare ciò che non c’è, ma può tornare, se rispetto i tempi che il destino e la sorte mi hanno riservato, un po’ come insegna il Maestro Siddharta Gautama, il Buddha.

Due giorni intensi di lavoro con le Risorse umane, colloqui, laboratori-seminari di formazione, incontro sindacale per aggiornare sulla situazione aziendale, che è migliorata, grazie al lavoro che è tornato, alla fiducia della Proprietà che ha confermato il proprio impegno, all’innovazione e alle nuove tecnologie e alla motivazione dei lavoratori, elemento fondamentale per andare avanti e salvaguardare il business.

Il mare ha onde lente che il vento quasi accarezza, mentre la sera viene lentamente e alle venti passate c’è ancora luce resistente, nuvole insistono all’orizzonte mentre indugiamo prima della cena, senza fretta, calmi in un ordine naturale. Anche Gaetano, il tecnico delle rettifiche, si è aggregato a noi, con discorsi tra il familiare e il lavorativo, buoni. Nel frattempo sappiamo che la politica indulge in altre lentezze e povertà miserande, mentori e campioni i 5Stelle, poveretti. Fuori di testa, oramai senza bussola, con il loro sedicente capo che si permette di dire al PD “la pagherete“, con linguaggio mafioso. Alla buon’ora che se ne vadano questi ignoranti-ingenui, se il popolo lo consente.

Tornando alle nostre belle cose, che è meglio, stasera osservo come tutto può cambiare in breve, finalmente anche in positivo. Ad esempio, l’incontro sindacale si è svolto in un clima di grande attenzione e rispetto reciproco, dove ognuna delle parti, rimanendo sul suo, obiettivi aziendali condivisi, ha svolto un ruolo per un miglioramento continuo e insieme elemento di conferma dell’investimento da parte dell’Azionista, il quale può sopportare delle perdite, ma non sine die, poiché a un certo punto bisogna invertire la rotta e re-iniziare a realizzare risultati positivi. Anche i temi della tutela della salute e sicurezza del lavoro, legati, sia ai comportamenti dei singoli lavoratori, sia al miglioramento tecnologico ed ergonomico, stanno muovendosi verso il positivo, riducendo lentamente anche lo stress correlato al lavoro. Tutto bene, dunque? Certamente no, ma abbastanza per far crescere la fiducia in tutti coloro che sono onesti intellettualmente, operai, impiegati e dirigenza.

Un’ultima considerazione relativa a questo viaggio nel “vento dell’Epiro”. Con tutti i lavoratori si sono fatti eventi seminariali di formazione sui temi etici, valoriali e comportamentali, con un’attenzione e partecipazione eccellente.

E ora alla prossima, ché la “fontana delle idee” proveniente dalla Murgia e i “doni del mare” prospiciente ci aiutino. Il 4 giugno, se Dio vuole, saremo di nuovo giù, per continuare questo bellissimo lavoro. Grazie a Dio e alla buona volontà di ciascuno di noi.

NESSUNO HA VINTO LE ELEZIONI POLITICHE DEL 4 MARZO 2018, ovvero “Rigore è quando fischia arbitro” (Vujadin Boškov, allenatore della Sampdoria Campione d’Italia ’90/ ’91)

Mio caro lettore,

cito un allenatore di calcio che, se messo a confronto con i politici attualmente in auge in Italia, farebbe la figura di un intellettuale di prim’ordine. I politici sottintesi sono dunque, ovviamente, Di Maio e Salvini in primis, e in secundis alcuni della legislatura che non riesce a finire, tipo Boldrini, Grasso e altri di tutti e tre o quattro schieramenti, lasciando perdere i Meloni e affini.

Voglio ricordare ai lettori miei che non seguono il calcio, che Boskov allenava la Sampdoria di Mancini, Vialli, Briegel e Cerezo tra altri giocatori di vaglia, quella che vinse l’unico scudetto della sua storia e arrivò in finale di Coppa Campioni perdendola dal Barcellona. Boskov è stato dunque, sul suo, molto autorevole ma, da questi assunti, lo è stato anche più in generale, e certamente più dei troppo volte citati soliti perfin troppo noti. Ma scompariranno alla vista tra non molto, mi par di poter dedurre dai fatti.

Potrei anche parafrasare il detto boskoviano in questo modo, e forse i poveretti sopra citati mi capirebbero “Elezioni vince chi ha maggioranza“.

Qualche fine esegeta della politica, ma anche solo chi abbia una qualche conoscenza del mondo ex comunista potrebbe dire che Boškov aveva in qualche modo introiettato il modello centralista-autoritario tipico dei regimi di quell’area e di quel tempo, per cui si ubbidiva (si doveva, anche obtorto collo) al Partito, al Primo Segretario, al Presidente, cosicché, magari a livello inconscio, nell’ambito di una partita di calcio quel ruolo era dell’arbitro. In ragione di ciò… “E’ rigore quando arbitro fischia”. Tranquillo, oggettivo, reale, vero.

E, secondo l’entimema (l’entimema è un sillogismo abbreviato che esprime una logica inferenziale -cioè deduttiva- immediata) derivante dal primo sillogismo di Aristotele, siccome nessuno dei partiti o coalizioni ha ottenuto la maggioranza (se non relativa) il 4 marzo scorso, checché ne farfuglino i due principali su notati, NESSUNO HA VINTO LE ELEZIONI POLITICHE DEL 4 MARZO 2018. Secondo Boskov e secondo la logica del grande Stagirita e nostra, tuttora corrente. Ma non per Di Maio e Salvini. Ma cz, caro lettor mio, se sei un elettore di quei due, ti sei accorto che non ci arrivano proprio, o no? E, comunque, non ti sei accorto che la loro ignoranza è continuamente stimolata da altrettanta presunzione, in un oramai inarrestabile circolo vizioso? Se del caso e se ci tieni alla loro fama (usurpata) potresti consigliargli un testo sacrosanto che qui ti indico ben volentieri: Pragmatica della comunicazione umana, di Watzlawick, Beavin e Jackson, edito da Astrolabio. Si tratta di un testo non facilissimo, per cui potrebbe essere utile un aiutino interpretativo-esegetico, del quale ti farei dono a-gratis, per interposta persona. A fin di bene, s’intende, per il loro bene, e anche per il tuo.

Parliamo  per due righe o poco più di Renzi, anche lui campione di semplificazioni sesquipedali. Il giovine di Rignan sull’Arno non brilla di molta coltura della mente. Iersera, anche lui, da quell’ironico falsetto conduttor di Fazio: Il M5S e la Lega hanno vinto (e dàie!), e dunque governino, il PD ha perso e quindi stia all’opposizione. Prima di tutto, dear Renzi, il M5S e la Lega NON HANNO VINTO, e comunque il PD è arrivato secondo dietro Casaleggio&Grillo (devo cominciare a non nominare più Di Maio, come se fosse un chierichetto o un dèmone, a proposito, lui veste come insegnava a fare Togliatti: gli oppositori devono essere -o sembrare- esteticamente come i funzionari dello Stato, per non destare inquietudine nel popolo), secondariamente, perché da segretario dimissionario va a dare la linea in tv quando è convocata la Direzione tra un paio di giorni? Certo, non è colpa sua se esistono in “renziani”, i quali, in quanto tali, sono dei sacrosanti poveri beoti che amano l’etero-direzione.

Ci sono al mondo i maschi “Alfa” e i gregari: ecco, uno come Renzi, ma ne conosco altri, e non pochi, che amano circondarsi da gregari, perché, non avendo un’autostima equilibrata, teme che il proprio potere venga messo a repentaglio da altri maschi “Alfa”. Ad esempio, è anche per questo che io preferisco da sempre, salvo un caso eccezionale riferito alla maggiore azienda della regione, una multinazionale dove son stato Direttore delle Risorse umane del gruppo, la Consulenza direzionale e la Moral Suasion, alla Dirigenza aziendale: da maschio “Alfa” preferisco preservare le mie energie alla creatività e ai fatti, piuttosto che alle lotte di potere. A proposito, nella mia esperienza ho incontrato anche delle donne “maschi Alfa” e, attenzione, erano ben più caz.ute della povera Boschi.

Ooooh, il-facilmente-licenziabile-per-statuto dalla Casaleggio&C (da ora in avanti chiamerò così Di Maio, anche se sarà più faticoso), dopo avere ascoltato l’intelligentissima intervista fazio-renziana, ha sbottato, o sbroccato, essendogli partito l’embolo (e ciò non è una excusatio, beninteso) in questo modo: “La pagherete“, suona camorristico o no signor Di Maio? Non le pare? No? E allora cosa suona? Bambinesco? Capricciesco? Beh, furfantesco senz’altro. Oppure echeggia il sessantottin-settantasettesco “Pagherete caro, pagherete tutto“?

Che cosa deve pagare il PD, caro facilmente-licenziabile-per-statuto ? Che fai, minacci? Ricatti? Come mai vuoi tanto metterti insieme in qualche modo con chi hai denigrato e insultato fino a qualche giorno fa? Hai cambiato idea o giudizio? Ti sei sbagliato prima o sbagli adesso? Non ne esci, my dear facilmente-licenziabile-per-statuto .

Un consiglio: riprendi umilmente a studiare, ma nell’ombra e parti dalla biografia di Vujadin Boskov.

I pasciuti, gli affamati e la divisione del lavoro e del reddito nel mondo e, senza niun trascurare, né gli incliti né i sapienti

Vi sono in giro sportivi e giocatori, cantanti, attori strapagati, ma paradossalmente demotivati, forse -chissà- stanchi di gaudère.

Avere troppo riduce la qualità dell’essere, si potrebbe dire, filosoficamente.

Pasciuti, un altro nome di chi possiede tanto, troppo, ne troviamo ovunque, in ogni ambiente, in ogni dove. Non so se al mondo vi siano più pasciuti o più affamati. Penso, però, più affamati. Un personaggio come Tiger Woods, famosissimo golfista mi pare guadagnasse sotto i cento milioni di dollari all’anno nei suoi anni migliori, così come un pilota di Formula 1 alla Lewis Hamilton. Anche un Messi o un C. Ronaldo lucrano annualmente cifre attorno ai quaranta o cinquanta milioni di euro/ dollari.

Di contro, vi sono famiglie di otto/ dieci persone che vivono (cercano di sopravvivere) con milleduecento euro al mese, anche in Italia, specialmente nel Meridione, e in Asia/ Africa anche con un terzo di quella cifra. Abbondanza contro fame, dovizia smisurata di risorse contro miseria.

In molte situazioni e luoghi manca reddito e manca lavoro per molti, e a volte anche dove c’è il lavoro il reddito non è sufficiente per una vita dignitosa. Molti operai sono oggi chiamati workin’ poors, cioè poveri che lavorano, perché l’avere un lavoro non è più il discrimine tra chi ha i mezzi per vivere e chi non li possiede.

I pasciuti o “troppo ricchi” (ma questa è un’espressione legittima, mio caro lettore?, perché sotto un certo profilo mi stride, evangelicamente…) non si rendono conto di tutto ciò, specie, ecco l’esegesi teologica, se non sono “poveri in spirito” (cf. Matteo 5, 3)…

Molte sono le riflessioni in merito, e specialmente circa la divisione delle risorse e del lavoro nel mondo.

Tutti gli adulti dovrebbero fare un lavoro retribuito per un tempo da 12 a 30 ore in una settimana e al contempo 12-30 ore di lavori di cura non retribuiti”, ha sostenuto la filosofa canadese Jennifer Nedelsky…  o “lavoro part time per tutti, attività di cura per tutti”, durante convegni in cui è stata ospite nell’ottobre scorso alla LUMSA e successivamente alla Pontificia università San Tommaso d’Aquino (Angelicum) di Roma.

La studiosa ha sottolineato soprattutto “due problemi cruciali della società occidentale”, ossia “la pressione insostenibile esercitata dal lavoro sulla famiglia”, “la disuguaglianza ancora presente tra uomo e donna e verso chi si occupa dei lavori di cura”. Nedelsky ha ricordato anche la riduzione drastica -pure se progressiva- delle ore giornaliere lavorate negli ultimi cento anni, da 12/ 14 a 8 ore. Infatti le 8 ore giornaliere furono decretate dal Regno d’Italia nel 1923 con il Regio Decreto 692 a firma di re Vittorio Emanuele III (una delle poche cose buone fatte da questo Savoia, peraltro inetto e non poco vigliacco), e da Benito Mussolini. Altrove le 14 ore sono tutore in vigore.

Un tempo, ha ricordato Nedelsky, il non-lavorare, specie per i gentiluomini maschi era un segno di distinzione, non di esclusione sociale, ma questi gentiluomini maschi erano dei benestanti, di solito aristocratici o possidenti.

Oggi invece sono possibili i congedi parentali maschio-femmina per padre-madre in molti ordinamenti, senza che ciò metta a repentaglio la carriera di lavoro, ma c’è ancora molto da fare, soprattutto a livello culturale, in ordine al pensiero sociale di approvazione o di disapprovazione di certe scelte relative al rapporto tra vita e lavoro.

Il tempo parziale può cominciare a interessare anche i lavoratori maschi. Personalmente seguo (tra altre) una media-grande azienda dove si pratica sistemicamente e con successo un lavoro a tempo parziale a trenta ore alla settimana. L’azienda di cui parlo, a cui voglio molto bene, pur essendo strutturata come una fabbrica otto-novecentesca per il rapporto esistente tra operai e impiegati, ha già la testa nel futuro, sia per quanto riguarda la Proprietà, sia per quanto concerne i Collaboratori e i Lavoratori.

Un altro fenomeno da osservare è quello della precarietà vera, cioè l’esigenza per molti di “mettere insieme” due o più lavori per un totale anche di 60 o 70 ore alla settimana, per sbarcare il lunario. Anch’io lavoro non meno di 50 ore alla settimana, ma io sviluppo attività straordinarie, complesse, motivanti, piene di quotidiane novità e pertanto non mi pesano.

Un’idea potrebbe essere quella di connettere con equilibrio il reddito da lavoro e il riconoscimento di vantaggi fiscali: si dovrebbe consentire ai singoli lavoratori e alle famiglie di potersi dedicare anche al lavoro gratuito, a partire da quello domestico, che dovrebbe essere riconosciuto in dignità ed effetti economici.

Probabilmente la via giusta potrebbe essere quella di suddividere possibilmente tra tutti, o quasi, le attività di produzione di beni e servizi che generano reddito, con le attività di cura attualmente non in grado di produrre un reddito diretto, ma potenzialmente in grado di produrlo. Faccio un esempio, seguendo il ragionamento della collega canadese: una giornata di degenza in uno dei nostri ottimi ospedali costa all’erario circa 600 euro, ecco: si potrebbe, da un lato perfezionare il modello del Day Hospital, concentrando le terapie, ove possibile, in degenze di poche ore o mezza giornata, o tuttalpiù di una giornata, dall’altro, prevedere che chi ha un reddito di un certo tipo, contribuisca alle spese di albergaggio in caso di degenza obbligata, magari post-operatoria. Si moltiplichi ad esempio la cifra di 20 euro per due pasti più 5 euro per la colazione per i giorni di degenza di chi ha un reddito familiare superiore a 45/ 55.000 euro/ anno, famiglia di quattro persone, e vediamo che somma vien fuori, che risparmio improntato al principio di equità si potrebbe realizzare. Un meccanismo a scalare fino alla gratuità completa.

La cura dovrebbe tornare a essere un’attività diffusa e riconosciuta, se non sul piano reddituale, almeno sotto il profilo di ben mirati vantaggi fiscali.

Torniamo al tema delle ore lavorate/ pro anno: in Italia sono una media di 1800, in Germania 1400 o poco più; in Italia vi è una disoccupazione, molto differenziata tra Nord e Sud, di circa l’11%, in Germania del 3,5%.

E’ chiaro che non basta una soluzione aritmetica della divisione del lavoro tra tutti coloro che potrebbero lavorare, anche perché bisogna vedere se vogliono lavorare, ma occorre anche curare il tema del riconoscimento del valore sociale ed economico della cura, abbiamo detto sopra, magari mediante la leva fiscale. In ogni caso chi non volesse lavorare potendolo fare, non dovrebbe percepire redditi di cittadinanza o di inclusione, se non per periodi brevissimi e in vista di un inizio rapidissimo dell’attività.

Anche Marx andrebbe riconsiderato, a duecent’anni dalla nascita, ma in senso socialdemocratico, come aveva provato a fare il nostro Antonio Labriola poco dopo metà ‘800, là dove il grande di Treviri non calcava la mano sulla profezia comunista, ma si limitava a criticare il capitalismo, apprezzando -però- il grande valore della lezione economica della borghesia.

Socialdemocrazia come mix di lavoro, gratuità e welfare, come recupero di una cultura umanistica fondata sulla storia e la grande tradizione greco-latina. Studiassero qualche pagina del dottor Karl, i genitori imbecilli della Scuola dell’Infanzia Chicco di Grano dell’Ardeatino, non chiederebbero di togliere le feste del Papà e della Mamma, come hanno appena fatto, suscitando una legittima e furibonda reazione, perché capirebbero che sono inclusive, anche di loro, non esclusive. Non si sono accorti i beoti che fare una richiesta del genere è come ammettere implicitamente che nel caso della genitorialità gay non vi è, perché non vi può essere -ontologicamente- la compresenza dei due genitori. O no?

E dunque, mi pare di poter dire che la crisi riguarda, nell’insieme, aspetti cognitivi, etici, economici, politici, istituzionali, costituzionali e chi ne ha può aggiungere ancora prospettive e dimensioni altre.

Troppo pasciuti a volte coincide e a volte no con il troppo imbecilli. Bene, proviamo a distinguere, discernere, ragionare, rivedere le cose, quando sono sbagliate, a partire dal buon senso e dalla conoscenza reale dei fenomeni esistenziali, comunicativi, relazionali e -in generale- umani.

La maieutica, o capacità di e-ducere, cioè di “educare” o trarre il meglio da ogni persona, contro il nichilismo, o inclinazione al male, di ogni genere e specie

Caro lettore,

abbiamo sempre e comunque, ognuno di noi esseri umani, dentro di noi risorse da e-ducere, da tirar-fuori. Questo lo sapeva mia nonna materna così come i grandi filosofi greci, da Socrate in poi. Platone chiamava maieutica la capacità e l’arte di trovare le forze le conoscenze per combattere e vincere il pessimismo, la negatività e il nichilismo, partendo dall’interiorità di ogni persona, che può esprimersi in ogni caso nel modo migliore, ovvero può migliorare senza fine, quasi come “inseguendo” un asintoto matematico. Educare è sinonimo di togliere-fuori, dal verbo latino e-ducere, ex-ducere, è cercare e trovare le risorse migliori di una persona, è individuare una pista di crescita spirituale, cioè cognitiva e morale insieme.

Inoltre, vi è anche un rapporto diretto, secondo Platone, tra i concetti di maieutica e di anamnesi (cf. l’episodio narrato nel Menone XV 81c-XIX 85b) del giovane schiavo che, sollecitato da Socrate, riesce a dimostrare un teorema di geometria che non ha mai studiato. “Socrate glielo fa ricordare con la sua arte maieutica, in base al presupposto platonico dell’eternità delle idee matematiche: la teoria dell’anamnesi (reminiscenza) spiega la presenza di opinioni vere nell’anima di colui che ignora.

In proposito si può consultare anche il passo del Teeteto, in cui Socrate paragona la sua all’arte delle levatrici, anche nel senso della sterilità a cui il dio lo condanna rispetto alla produzione di un sapere determinato.” (dal web)

Un altro tema è quello del contrasto tra amicizia e inimicizia: esse non possono co-esistere nella stessa anima, poiché la prima esclude la seconda, come è ovvio, anche se non sempre e per tutti. Con ciò non voglio significare che dobbiamo per forza essere amici di tutti, ma che possiamo escludere dai nostri sentimenti quello dell’inimicizia, perché dannosa in sé, non produce nulla essendo negativa, produce pessimismo e nichilismo.

Un altro aspetto di questo contrasto tra positività e negatività obiettivamente nichilista, ad esempio, è il razzismo sotteso al concetto di Untermensch, cioè sotto-uomo, né essere trattato come tale, e ciò è avvenuto nel cosiddetto “secolo breve”, soprattutto sotto il nazismo.

Remo Bodei, in un suo bel saggio pubblicato sul Sole 24Ore della Domenica del 22 aprile 2018, spiega che la dizione classica-scolastica omnis determinatio est negatio, cioè ogni determinazione è negazione, vuol significare che -metafisicamente- negare che una cosa sia qualcosa non è “parlarne male”, ma semplicemente determinare ciò-che-è e, di converso, ciò-che-non-è. L’ente, dunque, e il ni-ente, che non è la negazione del bene, ma dell’ente, senza che ciò presupponga un giudizio morale, poiché si tratta di un giudizio metafisico. In metafisica il nulla si può dare, come sappiamo, mentre in logica no, perché anche il nulla in quanto termine-dicente-nulla ha una consistenza semantica. Dobbiamo sempre vigilare sui linguaggi e distinguere gli ambiti nei quali giudichiamo le cose del mondo e la nostra stessa vita.

Ora, caro lettore, ti propongo due casi di difficile lettura in tema di rapporto tra negatività e positività, e quindi tra nichilismo e crescita:

  • quello di Alfie, il bimbo inglese affetto da una rara malattia, il cui destino è stato deliberato da un tribunale, mentre la nobile Repubblica italiana gli ha concesso la cittadinanza per consentire il ricovero all’ospedale Bambin Gesù di Roma. Che dire? Si tratta con questa decisione italiana di salvare una vita con i mezzi e le tecno-scienze disponibili, oppure di accanimento terapeutico? E’ posizione nichilista “staccare la spina” come hanno deliberato i giudici del Regno Unito (decisione per il momento sospesa, poiché -sorprendentemente- il bimbo respira… da solo), ovvero è illusorio e crudele fare di tutto per prolungare una vita così debole, una persona di ventitre mesi affetta da un male sconosciuto? Non lo sappiamo noi qui, disinformati e distanti. Quello che è certo è senz’altro difficile da comprendere per assumere una deliberazione razionale e moralmente plausibile, se si ritiene che la vita umana abbia un valore.
  • Quello della bimba torinese, cui il Tribunale locale ha riconosciuto di avere “diritto” (si fa per dire) a due “mamme”, la mamma naturale e la compagna della mamma naturale! Ora, si deve sapere che il Codice Civile italiano, all’art. 269, datato 1942, ma ancora totalmente in vigore, parla di padre e madre come maschio e femmina, in questo modo: “La paternità e la maternità (naturale) (1) (2) possono essere giudizialmente dichiarate nei casi in cui il riconoscimento è ammesso.  La prova della paternità e della maternità può essere data con ogni mezzo.  La maternità è dimostrata provando la identità di colui che si pretende essere figlio e di colui che fu partorito dalla donna, la quale si assume essere madre (3).  La sola dichiarazione della madre e la sola esistenza di rapporti tra la madre e il preteso padre all’epoca del concepimento non costituiscono prova della paternità (naturale) (4).” Allora, la prima domanda che ci si può fare è la seguente: da un punto di vista della gerarchia giuridica, conta di più il Codice civile di una Nazione oppure la sentenza di un giudice? La domanda mi par retorica: penso che il Codice civile prevalga, e allora che succede? Certamente che il diritto viene fatto anche dalla giurisprudenza, che modificandosi nel tempo per ragioni socio-culturali ed etico-politiche, contribuisce a modificare la legislazione, ma in questo caso specifico, come funziona? La seconda: chi tutela i diritti di questa bambina? Chi le impedisce di avere un padre, che sia riconoscibile dagli attributi sessuali primari e secondari, cioè dall’aspetto maschile e dal suo comportamento da papà? Anche se sappiamo che vi sono padri degenerati e assassini, ma questo non riduce l’oggettività naturale, culturale, psicologica e affettiva del ruolo paterno. Che cosa risponderà quando tra un paio d’anni alla scuola dell’infanzia le chiederanno i compagni, vedendo magari alternativamente ciascuna delle due “mamme”, “dov’è tuo papà, non viene mai a prenderti lui?”; forse che lei risponderà che ha due mamme? E magari che una delle due è come se fosse il papà? Siccome in questo post parliamo di nichilismo e di maieutica, come la mettiamo? Non è che questa deriva “dirittistica” (horribile dictu) ci porta direttamente e indefettibilmente a una forma di nichilismo cognitivo e morale? Cosa vuol dire “diritto” in questo caso? Stiamo parlando di diritto in che senso? Come facciamo a pensare che sia un diritto essere mamma insieme con un’altra mamma, negando al bambino il diritto di avere un papà.
  • Forse, appunto, la maieutica che insegnava Platone, cioè un tirar-fuori ragionevolezza logica e senso etico, potrebbe essere il metodo in grado di rimettere al centro le cose che veramente contano, cioè i valori, in un ordine gerarchico plausibile e ragionevole. Che ne dici mio caro lettor paziente?

Cambiando “ambiente”, mi vien da sorridere se facessimo questi discorsi con un Di Maio o un Salvini, che sono delle nullità, ma non sono un nulla, né logico, né metafisico: sono un qualcosa, anche se… molto poco.

Un’altra scienza da interpellare facendo questi discorsi è la matematica e più precisamente l’algebra, dove la negazione della negazione non è un rafforzativo della negazione, ma una affermazione!

Un’ultima ancora riguarda il dottor Franco Basaglia e l’istituzione totale del manicomio, che lui con il suo lavoro ha contribuito a smantellare, citando l’art. 32 della Costituzione Moro, con La Pira, Togliatti e Calamandrei  che recita al secondo capoverso “La legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana“.

L’istituzione totale del manicomio, il nazismo, ogni forma di razzismo e totalitarismo, la violenza omicida insensata di fanatici di ogni genere e specie, l’imbroglio, la truffa ai deboli, il disprezzo dei poveri, e così via, sono tutti modi che l’uomo ha di declinare il nichilismo, l’amore del male (paradossale!), l’amore del nulla ché il nulla è, alla fine, solo una parola, che esiste ma non è. Come il male.

Strange Days e Giobbe, il muto profeta

Strani giorni  è un film di Kathryn Bigelow del 1995, con Ralph Fiennes e Angela Bassett, un film capace di specchiare le vite nelle vite degli altri, e in playback, musica a manetta su false vite a Santa Maria de los Angeles, dove diveggiano cantanti rock malati, come la politica italiana attuale nella vergogna. Visto una delle sere scorse. Fantasy con la violenza intrinseca della vita contemporanea, notturno, apparentemente senza capo né coda, ma non è così.

Squallida fantasy e vergogna , invece, a quel nesci di Di Maio, senza nervi e senza rughe, vergogna a quel gran salame di Salvini, una coppia intrinsecamente bolsa e comprensibile solo alla luce di questi strani giorni. Strange days.

Per consolare i miei lettori ora riporterò due testi bellissimi, il primo di sublime e beata speranza, tratto dall’evangelo secondo Matteo al capitolo quinto, notissimo, scuola e indirizzo per ogni buona vita, il testo de le Beatitudini, e il secondo di politica fine e garbatamente elevata, quella del Partito Radicale italiano, del cui Statuto il preambolo è meraviglia etica e politica.

 

Le Beatitudini – Mt. 5,1-12

Vedendo le folle, Gesù salì sul monte: si pose a sedere e si avvicinarono a lui i suoi discepoli./ Si mise a parlare e insegnava loro dicendo: “Beati i poveri in spirito, perché di essi è il regno dei cieli./ Beati quelli che sono nel pianto, perché saranno consolati./ Beati i miti, perché avranno in eredità la terra./ Beati quelli che hanno fame e sete della giustizia, perché saranno saziati./ Beati i misericordiosi, perché troveranno misericordia./ Beati i puri di cuore, perché vedranno Dio./ Beati gli operatori di pace, perché saranno chiamati figli di Dio./ Beati i perseguitati per la giustizia, perché di essi è il regno dei cieli./ Beati voi quando vi insulteranno, vi perseguiteranno e, mentendo,/ diranno ogni sorta di male contro di voi per causa mia./ Rallegratevi ed esultate, perché grande è la vostra ricompensa nei cieli. Così infatti perseguitarono i profeti che furono prima di voi.”

Per un’etica della vita umana, ma anche  per l’intelligenza, bastano le Beatitudini, che Matteo mette in bocca al Maestro come ammaestramento definitivo, sufficiente e sovrabbondante per ognuna delle nostre vite, caro lettore. Beatitudine come distacco dagli affanni e immersione nella giustizia, nel senso biblico del termine. La giustizia biblica nulla ha di giuridico, occidental-illuministico o dirigistico, poiché si innesta nell’armonia di vissuti naturali, come interpretasse la verità delle vite, senza sforzo alcuno… ed è così: la tà Biblìa è, non a caso, il libro dei libri, scritto in non meno di mill’anni da decine di autori sconosciuti, dai grandi re Davide e Salomone, dal grande profeta e poeta Isaia e dai suoi sodali e successori Geremia, Ezechiele, Osea, Zaccaria, Malachia, e così via. Rima inutile ma bellissima.

Beati i puri di cuore, e che significa se non che la trasparenza illumina di luce ogni cuore? Beati i poveri in spirito, e che significa se non che nulla di posseduto è importante? Beati coloro che piangono e che significa se non che verrà pure la gioia? Beati i miti e che significa se non che non occorre l’arroganza, mai? Beati gli assetati e affamati di giustizia, e che significa se non che la giustizia, intesa come armonia, verrà? Beati i misericordiosi, e che significa se non che vi sarà un giusto contrappasso di misericordia? Beati gli operatori di pace, e che significa se non che il loro nome sarà quello di “figli di Dio”? Beati i perseguitati per la giustizia, e che significa se non che il loro sacrificio e anche il loro dolore sarà riconosciuto come merito? Beati coloro che riceveranno insulti e persecuzioni e male parole come maldicenze e calunnie, e che significa se non che saranno premiati con la Visione beatifica di Dio stesso?

Beatitudini come linea guida, sottile linea rossa dell’esistenza, come responsabilità individuale e capacità di scelta.

E ora, dalle Beatitudini a un testo che -apparentemente- può essere considerato campione di una laicità quasi contraltare dello scritto matteano, ma non è così, perché può essere, invece, giustapposto, quasi come traduzione contemporanea della sapienza sociale trasparente dal Nuovo testamento, così come proposto dall’evangelista. Il linguaggio del preambolo è chiarissimamente attuale, ma si fonda sulla sapienza antica e immortale del Libro dei Libri, il

 

Preambolo allo Statuto del Partito Radicale Trans-nazionale trans-partito

Il Partito Radicale Nonviolento, Transnazionale e Transpartito proclama il diritto e la legge, diritto e legge anche politici del Partito Radicale, proclama nel loro rispetto la fonte insuperabile di legittimità delle istituzioni, proclama il dovere alla disobbedienza, alla non-collaborazione, alla obiezione di coscienza, alle supreme forme di lotta nonviolenta per la difesa, con la vita, della vita, del diritto, della legge. Richiama se stesso, ed ogni persona che voglia sperare nella vita e nella pace, nella giustizia e nella libertà, allo stretto rispetto, all’attiva difesa di due leggi fondamentali quali: La Dichiarazione dei Diritti dell’Uomo (auspicando che l’intitolazione venga mutata in “Diritti della Persona”) e la Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo nonché delle Costituzioni degli Stati che rispettino i principi contenuti nelle due carte; al rifiuto dell’obbedienza e del riconoscimento di legittimità, invece, per chiunque le violi, chiunque non le applichi, chiunque le riduca a verbose dichiarazioni meramente ordinatorie, cioè a non-leggi. Dichiara di conferire all’imperativo del “non uccidere” valore di legge storicamente assoluta, senza eccezioni, nemmeno quella della legittima difesa.

Ecco, quanti richiami evangelici se si legge di “(…) supreme forme di lotta nonviolenta per la difesa, con la vita, della vita, del diritto, della legge (…) Richiama se stesso, ed ogni persona che voglia sperare nella vita e nella pace, nella giustizia e nella libertà, (…) ai Diritti della Persona (…) Dichiara di conferire all’imperativo del non uccidere valore di legge storicamente assoluta, senza eccezioni, nemmeno quella della legittima difesa“.

Il verso dell’umano è questo, laico e cristianissimo, evangelico e contemporaneo. Che differenza c’è parlare di beatitudine o di speranza? La speranza è virtù e passione, e questo è vero e valido, sia per la dottrina evangelica sia per quella politica laica e socialista. Io mi ci riconosco in entrambe. E’ virtù legata alla beatitudine (la beata speranza) ed è passione come aiuto indispensabile alla buona vita, contro ogni di-sperazione.

Infine, il romanzo di Mendel Singer, il Giobbe rothiano che riceve dal Signore ogni prova della vita, prima di avere il suo premio. Caro lettore, ti raccomando sommessamente di leggerlo, ché ti giova, affinché tu possa constatare per conto tuo come l’Incondizionato pre-vede mentre tu pro-cedi, e ascolta chi inter-cede per te con l’amore, la speranza e la preghiera, potentissimo ausilio e silenzioso ristoro dell’anima.

Older posts

© 2018 Renato Pilutti

Theme by Anders NorenUp ↑