Conte, ma Paolo, quello buono, il cantautore genovese, perché degli altri due faccio volentieri a meno di interessarmi, anche se è difficile evitarli, tanto sono mediatizzati. Ambedue pugliesi, insopportabili per motivi diversi, nonostante la meravigliosa terra di provenienza. Caro lettor mio, ovviamente hai capito che mi sto riferendo al Presidente del consiglio dei ministri, Giuseppe, foggiano, e all’allenatore dell’Inter, Antonio, leccese.

Paolo Conte

Giuseppe Conte fino a due anni fa o poco più non lo conosceva nessuno, o quasi, ragazzo anziano di studio dell’avvocato Alpa, poi è stato nominato premier. E da due anni sta assumendo atteggiamenti sempre più egocentrici, autoreferenziali, o addirittura egolatrici. Non lo aiutano le mani, che non sa usare nella gestualità e la voce, piuttosto afona. Anche il suo tentativo di usare l’umorismo, a parer mio, ha scarsi effetti, mostrando lui con la prossemica la presunzione di generarli.

Antonio Conte all’Inter percepisce uno stipendio di un milione di euro (non di lire!) al mese, dodici all’anno, netti, per un costo aziendale pressoché doppio. Il suo volto perennemente corrucciato non è legittimato a esserlo, anche se l’Inter in queste settimane non sta andando molto bene. Non ha diritto di presentarsi con quel volto. Per lui andrebbe ripensata la piramide dei bisogni di Abraham Maslow, testo importante da utilizzare in ogni corso di gestione del personale e di psicologia individuale e sociale.

Probabilmente, la sua corrusca e impenetrabile espressione evidenzia smemoratezza, o un’erratissima e squilibrata valutazione della sua situazione reale. Conte Antonio non fa mai un benchmark fra la sua situazione e quella della maggior parte degli esseri umani viventi. Come può non essere contento della sua vita in quelle condizioni? Oppure è un uomo talmente spirituale, che le risorse economiche non gli spostano di un et il suo stato psico-morale? Sto scherzando, perché – paradossalmente – è facile essere scontenti, nonostante quel reddito, perché lo si dà per scontato. Pensi, Conte, a molti tifosi dell’Inter che magari hanno a malapena di che sopravvivere, senza pietismi, ma alzando lo sguardo oltre il suo naso e il suo smisurato ego.

Non ho sopportato quest’uomo da allenatore della Juventus e non lo sopporto ora che è all’Inter, la cui caratteristica principale è sempre il vittimismo. Solo da C.T. della Nazionale mi era entrato un po’ in simpatia, per la sua capacità motivazionale di una squadra che, se Zaza (chi?) e Pellè (chi?) non avessero fatto i fenomeni sbagliando i calci di rigore con la Germania, avrebbe vinto (forse) il Campionato Europeo del 2016.

Probabilmente Conte Antonio ritiene di essere nel pieno diritto di avere quello che ha, quasi fosse di provenienza soprannaturale. Diritto divino. Quindi ricchezza e vittorie, fama e prestigio. Eh no, non funziona così, signor Conte Antonio da Lecce!

Non funziona così signor Conte Giuseppe!

Si vede che il nome “Conte” in qualche modo condiziona il modo-di-essere, quasi la forma-di-vita di chi così si chiama. Nomen omen, ma non può funzionare, perché i conti, i comites carolingi, erano i signori di fiducia di re Carlo o di re Ottone, erano i compagni di strada e a volte di vita dei sovrani.

Questi due signori, diversamente convinti di essere una spanna sopra gli altri cittadini del mondo, hanno comportamenti che li rendono antipatici, e non poco. Il Conte allenatore si sbraccia e urla corrucciato, mentre il resto del mondo vive, con tutte le difficoltà che conosciamo: bimbi malati e morenti, lavoratori sfruttati, donne angariate e uccise, bambini violati, incertezza del futuro, mancanza di mezzi, ingiustizie giudiziarie (come quella di Zaki in Egitto), furfanterie di ogni genere e specie, opportunismi beceri nella politica, pigrizia culturale e pressapochismo informativo… devo continuare? No.

Il Conte politico continua a imperversare con la pochette nel taschino della giacca e paroloni e promesse di improbabile realizzazione; il Conte prestipedatorio (copyright di Gianni Brera fu Mario, mi pare) continua a guardarsi l’ombelico, certo che il milione di euro al mese gli sarà regolarmente bonificato, al massimo il giorno 10.

Se desidero riconciliarmi con il cognome “Conte” ricorro a Paolo, e lo ascolto: Bartali, Genova per noi, … mi consolano anche della noiosa banalità (a loro stessi probabilmente non nota) dei due omonimi.