La propaganda politica si è sempre nutrita di falsità e disinformazione. Si pensi al pericolosissimo ministro della propaganda nazista Joseph Goebbels, che inventò Theresienstadt per ingannare tutti sul destino degli Ebrei. Oppure: quando si seppe ciò che aveva fatto il “piccolo Padre” Stalin dei kulaki ucraini e degli ufficiali polacchi a Katyn?

La lealtà e la verità non sono di casa in quella dimensione: l’avversario deve sempre apparire, se non un nemico, quasi, per cui la denigrazione costituisce il nocciolo dell’informazione. Tutto ciò soprattutto nelle dittature o nei regimi autoritari; ma anche le democrazie si “difendono” (faccio per dire) molto bene in questo campo. Ad esempio vorrei sapere che cosa sa di vero il popolo turco sulla decisione del “sultano” che si è dato, e che spero duri non molto ancora, il signor Erdogan, di attaccare il nord della Siria e i Curdi in particolare. Come accade in questi casi, l’uomo forte al potere cerca di convincere la sua nazione che sta combattendo un pericolo e quindi agisce preventivamente.

Oppure le informazioni che attualmente l’opposizione parlamentare italiana diffonde, per screditare il governo in carica: numeri, percentuali, scelte, sono come la sabbia sulla spiaggia, volatili. Prima di tutto è bene non credere a quello che dice Salvini, e poi in parte anche gli altri, i suoi ex amici in primis. Ma nessuno è esente dalle fake, cioè dalle falsità. Infatti, quando sento parlare, a mero titolo di esempio, un Marcucci (del PD, lo specifico perché non penso buchi il video), mi viene prurito dietro le ginocchia. A Renzi poi non credo neanche quando dice il suo nome e cognome.

Parliamo anche dei dati sulla violenza. Ha ragione Steven Pinker che nel suo trattato Il declino della violenza (più volte qui da me citato) spiega con dati e diagrammi incontestabili come la violenza sia diminuita, perfino nell’ultimo secolo, quello delle due guerre mondiali e di centinaia di guerre asimmetriche. E son diminuiti anche gli omicidi (donne uccise comprese), i morti sul lavoro e per strada. Sempre troppi, ma in diminuzione.

Ora alcuni altri dati, che possiamo rinvenire, se vogliamo, in alcuni testi di autori affidabili come ne Le verità nascoste, ed. Rizzoli, di Paolo Mieli, e nei trattati sull’inquinamento da Co2 del prof  Stefano Casertano: negli ultimi 25 anni le percentuali di Co2 sono diminuite del 10% negli USA, nonostante il raddoppio dell’economia; l’Europa è ancora più virtuosa con – 20%; la Cina è il grande” untore” mondiale con emissioni 5 volte maggiori dell’Europa;  ancora la Cina è la prima inquinatrice dei mari, con lo sversamento di 3,5 milioni di tonnellate di reti dei pescatori, l’Indonesia seconda con 1,3 milioni e poi il Vietnam e le Filippine a ruota. Nel Mediterraneo il record è dell’Egitto con 0,4 milioni, meno della metà degli USA.

Mandiamo colà i genitori e i finanziatori della signorina Thumberg? Sì, vero?

Se parliamo della povertà assoluta ecco i dati: se nel 1990 colpiva il 40% dell’umanità, nel 2019 è scesa al 10%.

L’età media degli esseri umani era di 35 anni, ora è di 70, con punte di 80/85 in Italia. La nazione dove si sta meglio al mondo. E dunque non sputiamoci sopra, come fa la nulla Mogherini. E chi è costei?, certamente si chiederanno 9 su 10 dei miei lettori. Nulla come il bullo che la ha nominata nel ruolo europeo da 30.000 euro al mese. Appunto.

Che dobbiamo fare, allora? Studiare, studiare, studiare a me poco caro Dimaio, controllare le fonti, verificare e, prima di parlare, cercare di conoscere. Se poi ci sono ancora molti che non credono che le cose sentite in tv o presenti sul web siano molto spesso false, e dunque siano vere “perché lo dice la televisione”, peggio per loro. Su questo tema, credo che l’anagrafe farà il suo corso.
Son malvagio ciò dicendo? Penso di no, piuttosto razional-realista, pressoché hegeliano.