Sappiamo che nell’antichità la selvaggina era considerata res nullius, cioè proprietà di nessuno.

La proprietà privata e il Medioevo comportarono che la selvaggina divenisse esclusiva proprietà del feudatario, del re e dei loro ospiti. E il popolo, per sfamarsi, si dedicò al bracconaggio, che divenne reato da codice penale. Negli anni ’90 in Italia la selvaggina ha acquisito lo status di patrimonio indisponibile dello Stato. La fauna selvatica, a quel punto, diventa disponibile solo a chi ha una regolare licenza di caccia, sulla base della Legge 11 Febbraio 1992, n. 157, in materia di Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio e a leggi regionali in materia e ai rispettivi regolamenti provinciali (della provincia in cui si esercita l’attività venatoria). Qualsiasi altra forma di abbattimento o cattura di fauna selvatica è considerata bracconaggio e pertanto perseguibile penalmente.

Il masnadiere è un furfante, malvivente, bandito; un uomo d’arme che faceva parte di una masnada; un ladrone, assassino di strada: s’abbatté in alcuni li quali mercatanti parevanoe erano masnadieri e uomini di malvagia vita e condizione (Boccaccio). Nell’uso comune, genericamente, persona disonesta e prepotente. La masnada [dal provenzale maisnada, che è il latino mansionata (cfr. lat. mansio –onis «soggiorno, dimora», da cui il francese maison «casa» e l’italiano magione)]. – Nel medioevo: L’insieme dei servi ministeriali, originariamente schiavi, adibiti nella casa del signore alle occupazioni domestiche, che nell’epoca feudale ottennero, in grazia dei servigi e soprattutto delle armi che recavano in guerra al loro signore, concessioni di feudi, entrando a far parte della gerarchia feudale: uomini di masnadagente di masnada. Schiera di uomini armati, compagnia di ventura: Con gran cuorea lancia e spada! Uguccion de la Faggiola Messo ha in punto la masnada (Carducci). letteralmente con significato più generico, schiera, accolta di persone: E poi rigiugnerò la mia masnada (Dante). Nell’uso comune, in senso spregiativo, gruppo di persone che agiscono insieme e di comune accordo, o anche singolarmente ma con scopi e metodi simili, in modo prepotente e disonesto: una masnada di furfantidi ladridi avventurieri, etc. (da Enciclopedia Italiana Treccani)

I contadini-montanari huzuli della Galizia carpatica erano considerati masnadieri, come raccontano i Singer, Pollack e Joseph Roth.

Ebbene, io penso che molti politici italiani attuali siano assimilabili per i loro comportamenti  a dei masnadieri, a dei bracconieri, senza arte né parte. Un elenco, comprendente personaggi di diversi partiti: Marcucci del PD, Di Battista dei 5S, Toti dei “totisti”, Toninelli dei 5S, Di Maio idem, Salvini della Lega, Bonafede dei 5S, Serracchiani del PD, Guerini idem, Boldrini di LeU (acronimo che pare uno sberleffo), Meloni sorella d’Italia, Boschi, elegante nulla, e il suo capo, il bullescamente attivo Renzi.

Masnadieri, bracconieri son come, questi e altri che non ricordo, né mi sforzo di ricordare. Proviamo ad approfondire nello specifico: uno come Marcucci, ricco di famiglia, arrogante nei modi, capace di passare dai liberali alla Margherita e infine al PD; antipatico senza nessuna cura per migliorare, dall’eloquio impreciso e stereotipato; uno come Di Battista, ciondolante con la camicia fuori dei pantaloni, 39/ 41enne, a seconda delle giornate; altrettanto impreciso del precedente “campione” di non-aurea-mediocritas nell’eloquio e sprovvisto di cultura degna della sua immeritata fama; uno come Toti, che ha lo stesso nome dell’eroico bersagliere che scagliò la stampella oltre la trincea prima di morire; con una “t” di meno – nel cognome – rispetto a Totti, vero grande nel suo mestiere; sovrappeso e inspiegabile somiglianza col cartoon dedicato alle pantegane; uno come Toninelli, che t’imbarazza non appena prende la parola, perché ti chiedi come faccia a stare lì, e ti vergogni per lui; uno come Di Maio di cui si può elencare gli strafalcioni che attestano l’impreparazione di base con annessa presunzione: come sempre, l’assenza di vergogna s’accompagna all’ignoranza e alla prepotenza, anche se condita da sorrisi forzati; uno come Salvini, maestro di comunicazione straccia contemporanea, senza pudore, come chi ho già apprezzato, dico per dire, qui sopra, capace di voltagiri e gabbane a ogni momento che lui ritenga convenirgli; uno come Bonafede che, interrogato in diritto, farfuglia e borborigma, Ministro della giustizia!; una come Serracchiani, campionessa di opportunismo e falsa dedizione, anche se provvista di voce argentina; una come Boldrini, che non ha mai smesso di fare l’impiegata per la tutela dei rifugiati dell’Onu, titolo di merito e limite nel contempo; una come Meloni, dai modi aggressivi e sicumeri, sempre tentante di crescere in every sense; una come Boschi, cui non annetto alcun commento; uno come Renzi che ricordo capace di dar la mano a uno e insieme – nel contempo – guardare e parlare con un altro essere umano (gliene frega nulla di nessuno). E altri e altri masnadieri e bracconieri. Dovrei citare in questo elenco anche Grillo e Casaleggio, ma non lo faccio, perché non meritano la mia fatica.

Oltre a costoro vi sono poi altre figure barbine, come la Racketa e Greta, che ora veleggia con il secchio in mano, da Plymouth verso New York, in compagna del Grimaldo-Casiraghi, coerede di una dinastia genovese di pirati. Queste non sono bracconiere, ma prede accessibili ad altri e veri bracconieri.

Anzi, direi, tutti quelli elencati son solo bracconieri, cioè quei tali che pescano dal patrimonio indisponibile dello Stato, fino a che non vengono fermati, impunemente. Lavorano nottetempo, in silenzio, convinti di essere bravi e perfino onesti. Non intellettualmente, ché non conoscono il concetto e la differenza fra i due tipi di onestà, quella fattuale e quella intellettuale. Tutt’intorno i Trump, che in politica estera non è peggio di Obama, monsieur le Président Macron, degno successor dell’imbecille Sarkozy, i terroristi di tutte le risme, il panzon presidente della Corea settentrionale e dittatorucoli vari dell’Africa, del Sudamerica e dell’Asia.

L’amico Franco a questo punto mi ricorda chi erano i bracconieri veri dei nostri paesi, fino a qualche decennio fa: povera gente che aveva bisogno di catturare in qualche modo, anche non consentito, pesci, anguille e qualche uccello commestibile, una lepre, un fagiano, perfino un riccio spinoso, e a volte un gatto, per mangiare, solo per mangiare. E allora, la similitudine metaforica in questo caso decade, non sta più in piedi, perché se chiamassimo in questo senso bracconieri i politici di cui sopra ho riportato un breve e incompleto elenco, diverrebbe un titolo di merito, un titolo di correttezza civica. Il popolo che, in qualche modo, si arrangia, senza affamare nessuno. Grazie Franco.

Ad multos annos, ma non ai bracconieri in metafora, bensì alla polizia ambientale, ai carabinieri e agli altri di cui ci si può fidare.