Cari lettori di questa domenica di speranza,

con tutto il rispetto per l’onorevole Rino Formica, ritratto qui sopra, già autorevole parlamentare socialista della “Prima Repubblica”, cito indirettamente e parzialmente un suo sintagma che fece epoca: “nani e ballerine”. Con questa espressione intendeva significare un ambiente e un sistema di leggerezza e superficialità che aleggiava specialmente negli anni ’80 nella società e nella politica. Chissà che cosa pensa di oggi, se magari vi sono all’opera in politica ancora più nani e ballerine di allora. Io ne sono convinto. Lo scenario.

Mentre gravissimi temi e problemi incombono sul mondo, noi Italiani, cioè abitanti dell’Italia, la Nazione-Stato che tutti i politici -quando ne parlano- apostrofano con il sintagma “questo paese”, inconsapevolmente marcando con una semantica volutamente generica la distanza affettiva da essa come Patria, assistiamo allo svolgersi di assurde battaglie tra nani e ballerine, o alle afone intemerate di una bimba svedese imposteci dalle tv e dal web.

Circa chi siano i nani di cui sopra è facile intendersi, perché evidenti al pubblico, proposti nell’etere con dovizia di tempi e modi. Chiamansi da soli vicecapidelgoverno e capopolitico di un partito o segretario dell’altro. Il primo millanta di esser il meglio fico del bigoncio e il secondo che lo diventerà tra ore (o lo sarà già diventato allorquando avrò pubblicato la presente epistola). Gli altri che zampettano tra un talk e una comparsata anodina sono i capi degli altri partiti (e già tornati, purtroppo!). Ve n’è una piccina che alza la voce per sovrastar tutti come può, uno stagionato anzichenò, abituato all’autolode fino all’imbrodamento, provvisto di un tappetino d’antàn sul cranio, sua soluzion per ringiovanire (fo per dire), mentre altri preferiscono capelli a “vino tinto” (si direbbe in spagnolo), un altro crapapelada che propone il nulla ses-qui-pe-da-le, oggetto metafisico qui nato dal… nulla; un altro ancora che fa il “sinistro” con l’allure dei benestanti, un altro ancora definentesi alternativo, nonsisabeneachi. Bellu guaglione, direbbe, come di rutello disse u prufesùr de la Dotta e Grassa Bononia. Poi ci sono quelli in panchina come il genio politico di Rignano sull’Arno, incapace di manifestare alcuna attenzione per gli altri, con la sua prossemica. Infine, per tacer del resto, il giovanotto similparlante turista per caso politico di risulta.

Dico dei due primi surcitati. Il capopoliticoblabla e il sedicentecapitano sono due falsari, contraddicendosi ogni momento: decine decine sono le occasioni in cui hanno detto il contrario di quanto sostenuto anche poco tempo prima. Disonesti intellettualmente e poco aiutati da una subcultura approssimativa, i due si atteggiano a capipopolo indulgendo nell’uso del pronome personale “io”, come se dal loro “io” dipendessero le sorti dell’universo mondo. Raccontano a se stessi di contare molto, di decidere moltissimo, di durare e durare a capo della politica italiana perché lo vogliono. Fanno pena, rispettivamente, quando citano i bambini, propri e altrui, o quando si propongono come purificatori dei costumi, seguaci di Cornelio Giansenio (Janssen) di cui ignorano perfino l’esistenza.

Costoro, un po’ tutti, ma partire dai due capipopolo, non sanno che le cose sono più forti degli uomini. Se sostenere (dimaio) sei mesi fa che si può sforare il 3% per fare il reddito di cittadinanza e sostenere -sullo stesso tema- che oggi non è saggio farlo perché servirebbe per attuare una “cosa” di salvini, la flat tax, è osceno. Tra pochi mesi si dovrà approntare la finanziaria, affrontando anche il tema delle clausole Iva, e i soldi dove sono? Una cosa di dimaio e una di salvini, non scelte per gli Italiani. Pazzesco, eppur vero.

Queste sono alcune cose, a mero titolo di esempio, che “portano avanti” i due.

C’è una crisi di credibilità dell’Italia sulla solvibilità del debito e questi scherzano con ciò che può innescare un grande incendio. Da un lato in Europa solo il debito greco è meno credibile di quello italiano, però l’Italia resta una grande possente Nazione, anche parlando solo di economia. Gli Italiani hanno in tasca una cifra che è pressoché OTTO (8) volte il debito pubblico che potrebbero ricomprare con larghezza di mezzi; l’Italia è la seconda/terza potenza economica dell’Europa, la seconda per il comparto manifatturiero e la prima per quello meccanico di precisione; l’Italia è la prima per l’enogastronomia (vino e cibo), per il design di scarpe, vestiti e mobilio; l’Italia è di gran lunga la prima (non solo dell’Europa, ma dell’intero pianeta) per ricchezza di opere d’arte; l’Italia ha un ambiente tra i più vari e più belli. L’Italia è l’Italia, amata fino in Nuova Caledonia e a Tahiti.

E ci governano questi, mandati su dagli Italiani. Si potrebbe dire che Italia e Italiani non vanno d’accordo. Queste sono le cose, graziaddio più forti dei nani e delle ballerine che tengono in mano il potere. C’è da augurarsi che vi sia un chiarimento al più presto tra l’Italia e gli Italiani. Preghiamo.