Nella scherma, nel tennis, nel golf italiani e italiane che vincono, mentre Marchionne cede alla frenesia della sua vita (frenesia che conosco bene, autobiograficamente) e il 62% dell’elettorato attivo è diviso tra Grillo e Salvini… ma che sta succedendo? Dove si sta andando? E il mago Casaleggio jr. pontifica dicendo che tra qualche anno il Parlamento sarà inutile, ma chi è costui per permettersi di dire cose del genere, peraltro ripreso idiotamente da tutti i media quasi con fare  compunto. Oooh Casaleggio dice, afferma, con la sua flemma che… e che… Ma che autorità scientifica! Ma che autorevolezza carismatica! Ma siamo impazziti? Allora io, che di studi ne posso attestare forse dieci volte tanto il citato guru affermo e dico che il papa è un ologramma e allora: Pilutti ha detto che… oooh, ma quarda che genio. Da nessuna parte ho trovato indizi degli studi di Casaleggio jr. forse è perito elettronico come suo padre, o “laureato” a Scutari o a Valona, più o meno come Renzo Bossi. Chissà? Non che sia necessaria una laurea per poter parlare, ma per parlare decentemente di un argomento occorre essere versati su e studiosi di quell’argomento. Io non parlo di medicina nucleare, ma se sento un ingegnere o un chicchessia che conciona sul cristianesimo antico, di gestione delle risorse umane o di filosofia morale, impedendomi di interloquire, appena posso lo sbeffeggio. Viviamo tempi in cui i matematici fanno i teologi, come Odifreddi, e i periti industriali fanno i cultori di materie storiche, come Lucarelli.

Sconcertatissimi gli statistici sociologi esperti alla Weber, Ghisleri, Diamanti e compagnia, nessuno sa dire alcunché e neppur io, vergognandomene come un cane. Crisi cognitiva dell’elettorato italiano, o decisione alla “pollice verso” per tutta la vecchia politica, in ogni caso, da Forza Italia al PD, opposizione non ce n’è. A sinistra, senza perdere tempo con il partitino sberleffo Leu, l’imperversar di Renzi è il pre-deprofundis per il partito che voleva essere quello democratico, il resto è assenza assoluta di carisma e idee, a parte il solitario dignitosissimo Minniti, ché anche Calenda la fa spesso fuori dal vaso. Forza Italia è in mano a un signore dignitoso come Tajani e a due belle donne (specifico: Bernini e Carfagna, non altre), in stato di a-morfità, cioè senza forma politica.

I sindacati sono in mano a gruppi dirigenti obsoleti, salvo eccezioni molto rare. Vivacchiano di vecchie convenzioni e parlano un linguaggio inadeguato e stantio. Incomprensibile ai giovani, specie se culti e studiosi. E questo è un paradosso: chi dovrebbe in qualche modo essere più attento alle loro riflessioni e proposte politiche, ne è più distante. Dicevo: questione di asimmetria dei linguaggi, e non è poco. I sindacalisti parlano per codici stagionati e clichès di analisi socio-politica figli degli anni ’80, gli anni degli ultimi fuochi, per modo di dire.

Quando sento Sergio Cofferati, gran campione di immotivata autoreferenzialità, dare un giudizio tranchant su Marchionne circa i piani industriali da questi impostati nel tempo, che non sarebbe stato in grado di redigere per il meglio, je suis desole’, e gli direi solo questo: “Marchionne ha trovato la Fiat sull’orlo del default e, non solo è stato in grado di rilanciarla, ma ha colto l’occasione, complice positivo il presidente Obama, per creare con Chrisler il gruppo FCA, il settimo gruppo dell’automotive worldwide. Caro Cofferati, averne di manager che sbagliano così tanto, come Marchionne!” Per dirne una, e che basti.

A seguire poi troviamo la congerie di funzionari e operatori a tutti i livelli confederali e categoriali, territoriali e regionali, nazionali ed  extranazionali, ché si sono ritagliati, alcuni di loro più furbi, anche spazi a Bruxelles. Indispensabili… faccio per dire.

Tornando al personale politico, purtroppo di male in peggio, ma non voglio intristirmi e intristire il mio gentile lettore. Quando li senti concionare in Parlamento come avversari politici, mai che i toni siano, appunto, da persone che la pensano diversamente su un tema ma che cercano di capirsi reciprocamente, perché i toni stessi sono da comizio, da campagna elettorale permanente, là dove l’avversario non si connota più come tale, bensì come nemico giurato. L’altro, proprio perché è l’altro o in quanto è l’altro sbaglia sempre. E non è così, come anche l’inclito e il bambino ben sanno. Il vero e il falso, la verità e la menzogna delle cose e dei fatti si declinano su un terreno cognitivo e filosofico ben diversi dalle asserzioni apodittiche dei comizianti.

Si pensi, a mo’ di esempio, solo al poverissimo dibattito in corso sul cosiddetto “decreto dignità”. Si può evincere dalle varie prese di posizione qualche chiarezza espositiva o maggiormente illuminante sul decisivo tema? Neanche per idea: ogni aggiunta al dibattito è desolante per pochezza di argomentazioni e, per mantenere la sanità mentale…

me ne sto leggendo lo Zibaldone di pensieri, del conte Giacomo da Recanati, nel tardo pomeriggio estivo di fine luglio, mirando gli ampi tornanti dell’Aspin, del Tourmalet e dell’Aubisque. Lascio al mio gentil lettore intuire dove lo spirito mi porti.