Non avrei mai pensato di collocare Berlusconi in una certa qual cauta gradazione dalla parte delle mie simpatie (o quasi), perché vi è stato un lungo periodo, dal ’94 a un paio di anni fa in cui lo ho letteralmente aborrito, come figura, come postura, come lessico, come politico, come persona. Devo dire, però, mai come imprenditore, dei cui comportamenti, viste le mia attività, ho avuto spesso notizie di prima mano, e non negative, soprattutto circa il trattamento delle sue aziende verso i dipendenti e collaboratori. Ricordo soprattutto il racconto di un amico che non c’è più, editore di un mio amato libro, Il Viaggio di Johann Rheinwald, che quando fu assunto in una posizione di dirigente in Mediaset trovò in albergo -il primo giorno di lavoro- un bellissimo vestito completo grigio brillante scuro e un bel paio di scarpe nere, dono del presidente. Paternalismo? chiesi, no, gentilezza mi disse Giancarlo, che era di sinistra.

Il fatto è che oramai il cosiddetto benchmarking, o confronto, non lo si fa più con le storiche dignitosissime e spesso grandi figure di un Moro, di un Nenni o di un Berlinguer, e di Craxi che il tempo oramai passato fa stagliare nella sua giusta dimensione di statista vero (non dimenticare, mio gentile lettore, i fatti di Sigonella quando Craxi mostrò a Reagan nell’ottobre del 1985 che se gli USA schieravano i Delta Forces in territorio italiano, il Capo del Governo italiano poteva farli circondare dai Carabinieri!) e men che meno con quelle di un Turati e di un De Gasperi: oggi fai il confronto con pistolin Di Maio (così lo chiama il sempre spiritoso Vittorio Feltri), convinto che la Russia sia un paese mediterraneo e vuole fare il ministro degli esteri, e con lo sboccato (da qualche giorno di meno) Salvini, emulo del Bossi primitivo, sempre comunque a lui superiore, perché il modello, come insegna Platone, è sempre meglio dell’imitazione. E dunque, Berlusconi mi è diventato un poco simpatico per confronto con altri politici e per ragionamento. Vediamo  che cosa succede ora e che ruolo si ritaglierà nella nuova situazione politica, credo un ruolo non secondario, visto il tipo che è e i limiti evidenti e in qualche modo clamorosi, cognitivi, intellettuali e culturali dei nuovi “capi”, digiuni del tutto o quasi di ogni nozione storica, giuridica e socio-politologica.

Ora vediamo soprattutto gli altri cosa faranno e mi auguro, per il bene della Patria nostra, che qualcosa riescano a fare. Che il Governo nasca e si metta a lavorare seriamente, da subito, in Italia e in Europa, facendo sentire la voce della seconda nazione industriale dell’UE, senza imitazioni macronian-mayane o merkeliane. Facciamo l’Italia, perdio! Rispondiamo a tono a Donaldo Tromba, che sembra ogni giorno che passa un grosso vecchio bambino capriccioso, con il broncio del viziato fin dalla nascita. Questo vuol porre dazi alle merci importate, imporre politiche estere nefaste come quella contro l’Iran, che non è la Corea del Nord, dove sembra aver funzionato il suo muso duro, ma il bamboccio di Pyong Yang non è Kameney e neppure Katamy, che sono personaggi, se pur di diverso orientamento tra radicale e moderato, di lunga lena islamica. Pare che voglia ri-fare un accordo. Gli Americani dovrebbero studiare di più la storia dell’Europa e del mondo, ma le loro sapientissime università sfornano a manetta pacchi di specialisti ignorantissimi, ossimoro plausibile, contraddizione in termini ma specchio della realtà. Salvo rare eccezioni, come il generale Petraeus, noto per la sua capacità di leggere proficuamente la situazione afgana, i loro ufficiali, anche alti in grado, non sono neanche da paragonare ai nostri, che sanno dialogare con i capi tribù e con i maggiorenti delle nazioni diverse afro-asiatiche. Anche la vicenda libica degli ultimi anni, fino alla morte di Gheddafi, la dice lunga, in questo caso, sull’ignoranza crassa di Obama, presidente pessimo in politica estera, che si fatto trascinare nell’avventura da quello sciagurato presidente francese Sarkozy, sì, proprio quello che prendeva per il sedere Berlusconi, complice frau Merkel. Ricordiamoci anche l’infame avventura della seconda guerra dell’Irak, dove i due potenti idioti Bush&Blair hanno in pratica creato le condizioni per l’insorgenza dell’Isis. Coglioni. Ecco, il nuovo Governo italiano deve avere le carte in regola per fare politiche non prone e succubi di questi poco credibili partner.

Per quanto riguarda l’Italia, occorrono politiche semplici e chiare di carattere sociale e fiscale: non il “reddito di cittadinanza”, misura ambigua e diseducativa sotto il profilo etico e sociale, ma sostegno al reddito in formazione lavoro, flessibilità Jobs act e sua gestione condivisa per quanto possibile tra aziende e sindacati un po’ più evoluti degli attuali: basterebbe che queste organizzazioni, così utili se sono serie e preparate, tornassero a darsi -se ci riescono- gruppi dirigenti come quelli, almeno degli anni ’60/ ’80, ma occorre un profondo ripensamento organizzativo e l’abbandono delle sinecure e delle rendite di posizione di gruppi dirigenti invecchiati e oramai obsoleti. Io ne ho fatto parte negli anni migliori (1979/ 1993), ma ero diverso per cultura e formazione politica, e oggi me li trovo come interlocutori molto spesso non all’altezza delle tematiche in gioco, a volte arroganti, presupponenti e ricattatori, non avendo io “voltato nessuna gabbana”, ma essendo sempre quel socialista riformista che ero e che i titolari di azienda comprendono e apprezzano come approccio: tant’è che sono stato nominato in più aziende Garante degli aspetti etici dell’agire aziendale. Il fatto è che io ho continuato a studiare sempre raggiungendo importanti traguardi accademici, e loro no. Diversi di loro, se non sono invecchiati nel sindacato, hanno trovato delle garanzie economiche e di prestigio sociale nel mondo cooperativistico o nella politica. De mediocritate numquam satis.

Occorre che il nuovo governo curi la scuola non come voleva fare l’improbabile ministro Fedeli, che grazie a Dio è scaduta, non confondendo la formazione culturale e morale con l’addestramento: il rapporto scuola-lavoro non può mescolare impunemente gli ambiti e i piani, ché la scuola e l’università, nel rapportarsi con il mondo delle imprese non possono smettere di essere il luogo della formazione e della crescita umana e culturale, per diventare mera propedeutica quasi addestrativa al lavoro. Ben vengano i tirocini e gli stage, ma sempre finalizzati a progetti precisi e creativi collegati al curriculum di studi concordato con i docenti tutor di facoltà e dipartimenti, oltre che con le direzioni HR delle aziende.

La sanità pubblica va rinforzata in maniera selettiva nella sua presenza territoriale, mantenendone la gratuità totale per i redditi bassi e le malattie più gravi, ma anche impegnando nel pagamento di oneri indiretti, ad esempio l’albergaggio per ricoveri ospedalieri chi può permetterselo: in altre parole il welfare sociale deve essere proporzionato ai redditi accertati, come ho scritto in altri pezzi precedenti.

Partecipare al welfare sociale in modo equo significa anche studiare un fisco meno esoso e più giusto, in un equilibrio che permetta di esigere tasse progressive, ma senza punire chi guadagna di più della media per merito. Ebbene sì, parlo anche di me, che pago salato fino all’ultimo centesimo su ciò che guadagno, tutto fatturando.

I diritti civili non possono essere condizionati da una ricerca scientifica che permette progressivamente qualsiasi cosa perché possibile, senza alcun filtro di analisi etica. I diritti non possono essere scanditi e sanciti dalla mera ricerca scientifica senza alcun filtro, e sto pensando soprattutto alle maternità surrogate e cose simili. Il diritto deve derivare da un’etica ben declinata, non dalle scoperte scientifiche. L’Homo sapiens non può pensare che tutto sia possibile fare, solo perché è possibile farlo, anche se non lecito, altrimenti è destinato all’autoestinzione, come ben spiega l’antropologo Harari, israeliano di Oxford, nel suo Sapiens. Da animali a dei. Breve storia dell’umanità, recentemente edito da Bompiani.

Sullo ius soli occorre procedere senza indugio, distinguendo dentro il fenomeno migratorio e difendendo l’Italia da chi vuol approfittarne per farne rifugio di male intenzionati e terroristi.

Insomma, sia chi sia il nuovo premier, confido che il presidente della Repubblica insedi un ministero di persone competenti e capaci di ascolto e di proposta, con un Parlamento che lavori assiduamente.

Il buon governo, se non procura del tutto la felicità dei cittadini (sto scherzando) che è affidata anche alla dopamina e agli altri principali neuro trasmettitori  sviluppati da ogni cervello, può comunque contribuire all’equilibrio delle persone, come spiegano i biologi e i neuro-scienziati, e come sperano sia le persone pensanti di ogni colore e cultura, e storia personale. Auguri alla nuova maggioranza, e che sia assistita dallo Spirito, mentre chi farà opposizione la faccia con intelligenza e non per partito preso, ma su questo ho quasi meno fiducia, guardando le facce da gregari dei Rosato, delle Boschi e di altri di vari generi e specie di politicanti, soprattutto interessati a non perdere lo scranno ben pagato che hanno conquistato in liste chiuse previste da una vergognosa legge elettorale, di cui i due citati ignorantissimi politici sono tra i principali autori.