Son tornato a 90 km di uscita. Dopo la reductio, dopo le visite, la RM al vasto intermedio sx, due chili in meno (79/81), che restano lì saldi, però. Energia, sonno, cibo tornati normali, sguardo meno teso, condivisione solidale, anzi intensificazione solidale che è l’eros perfetto, quello platonico, cioè il più vero e completamente umano. Vario e difficile in vita mea.

Che meraviglia, di nuovo odori, suoni di campane lontane, e anche latrati di cani, ché son vivo e viaggio lontano verso i punti cardinali e oltre. Andare sapendo e sapere andando, che si torna e si riparte ancora. Pensieri di giorni passati e rovelli per quelli futuri, che saranno, si spera. Non ansia ma pensieri. Si può dire di aver sbagliato, ma in buona fede. Esiste la buona fede? Solo in parte, altrimenti la colpa è sempre degli altri, della società, delle circostanze. E non può essere così, altrimenti vien meno il diritto positivo di quattromila anni.

Non sono riuscito a vedere neppure una tappa del Giro, per una vera disdetta, ma il Tour non me lo toglie nessuno. Nel 2018 andrò a vedere la tappa di Fabio e sosterò sul Portet d’Aspet in silenzio. Tornando valicherò l’Izoard per uno sguardo alla lapide di Fausto e di Gino, e un pensiero all’eterna canzone di Pietro.

L’eterna canzone che sostiene ispirando il mio Canto concorde di prossima pubblicazione, come ogni mio movimento in cui credo e che costituisce la mia vita. Si può cambiare molto delle nostre vite, ma i legàmi primordiali no, gli imprinting iniziali no, i ricordi lontani restano perché ti hanno costituito come i mattoni una casa. La casa bio-logica che sono io, l’animale umano che son diventato deriva da lì, anche dai lunghi racconti di ciclismo, dal nozionismo dei fiumi, delle città e delle montagne, dalla voglia che avevo di dire tutti gli ortaggi e i frutti dell’orto lungo il quale correvo a perdifiato. Eccomi qua, ecce homo, ancora integro, anche se non integerrimo, completamente umano, con le mani, con le mie passioni e le mie ragioni, quasi mai comprese tutt’intorno, se non da pochi/e.

La corsa è stata eccellente, verso oriente, dove il sole sorge, dove tutto arriva e si offre al mondo, dove la notte viene prima iscurendosi come la mia anima qualche mese o settimana fa, ora rischiarata, come illuminata.

E a volte di nuovo iscurita per ondivaghezze e incomprensioni, ché il senso di quel che si dice sfugge come colpo di vento improvviso, a chiunque ascolti, che immagina altro, non avendo lo schema conoscitivo del parlante, e allora è come si dicesse qualcosa in lingue diverse o identiche diversamente espresse, cosicché ogni giorno è intrapresa a comprendere e essere compresi.

Ma io sono in bici di nuovo come prima, e il mio traguardo è una partenza per ogni dove.